Vaccino, l'infettivologo Vella: «All'esercito dei guariti basta una sola dose»
di Simone Pierini

Vaccino, l'infettivologo Vella: «All'esercito dei guariti basta una sola dose»

Il ministero della Salute ha deciso: una sola dose di vaccino a chi ha avuto il Covid ad almeno tre mesi di distanza dalla documentata infezione e preferibilmente entro i sei mesi dalla stessa. Due dosi invece a soggetti con condizioni di immunodeficienza a prescindere dall'aver contratto il virus. Una strategia sposata anche dall'infettivologo Stefano Vella, docente di Salute Globale all'università Cattolica di Roma e presidente Aifa dal 2017 al 2018.


Una sola dose ai guariti, è sufficiente?
«È scientificamente corretto. La prima dose l'hanno avuta naturale dopo la malattia con gli anticorpi che hanno sviluppato. Hanno già una discreta immunità».

 

Covid, l'app Mitiga per tornare in sicurezza ai concerti e agli eventi sportivi


Cosa avviene con una sola dose?
«È come un richiamo. Farne due per loro sarebbe come farne tre. Sono già protetti adesso e lo saranno ancora di più dopo questa dose».

 


Come reagisce il corpo se si ha già anticorpi?
«È una risposta da Nobel (ride, ndr). Diciamo che è come per il tetano: se un bambino si fa male ti fanno il vaccino, non ti fanno un test per capire quanti anticorpi hai, si fa e basta. Diciamo che è una pompatura in più, non ci sono rischi».


Con l'indicazione dai 3 ai 6 mesi restano esclusi i guariti della prima ondata.
«La scelta dipende dal fatto che dopo un po' di tempo l'immunità potrebbe sparire e sia utile un ciclo completo di due dosi. Personalmente credo che loro siano ancora protetti, è stata scelta una linea di massima cautela».

 

Vaccini, Johnson&Johnson a Ue: «Forniremo 200 milioni di dosi entro 2021, al lavoro per accelerare produzione»


Si poteva dilatare oltre sei mesi per sfruttare i vaccini su chi non è protetto?
«C'è da dire che ora le consegne di dosi stanno aumentando e non penso ci sarà più un problema di carenza di vaccini. Ritardare solo per risparmiare dosi è inutile».

 

 


I soggetti con immunodeficienza dovranno farne comunque due.
«Sono soggetti con sistema immunitario debole, è come se tu fossi assettato nel deserto: devi bere e devi avere tanta acqua. Se il sistema immunitario non funziona come dovrebbe è bene fare la vaccinazione completa».


Con le varianti a cosa stiamo andando incontro?
«Bisogna scovarle, sequenziare e isolare subito le zone. Prima o poi sarà la variante inglese a comandare, ma sicuramente non ostacola i vaccini. Aumenteranno i casi ma non creerà problemi alla campagna vaccinale».


I contagi stanno aumentando velocemente.
«Bene le misure rafforzate con zone rosse e arancioni scuro. Dove salgono molto bisogna chiudere a macchia di leopardo sperando che basti. Ma bisogna sparare i vaccini a manetta e creare la barriera al virus. Dobbiamo isolarlo».
riproduzione riservata ®


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 10 Marzo 2021, 14:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA