Vaccino Covid, quarta dose per tutti gli over 60 da subito. L'annuncio del ministro Speranza

Vaccino Covid, quarta dose per tutti gli over 60 da subito. L'annuncio del ministro Speranza

La quarta dose di vaccino anti Covid sarà disponibile a tutti gli over 60 da subito. L'annuncio è stato dato al Tg1 dal ministro della Salute Roberto Speranza, precisando che dopo la raccomandazione di estendere la quarta dose a chi ha più di 60 anni da parte di Ema e Ecdc, nel pomeriggio è arrivato in Italia il via libera dall'Aifa ed è stata inviata alle Regioni la relativa circolare del ministero della Salute. 

Bollettino Covid: 37.756 casi, aumentano i morti (127). Oltre 400 ricoverati in più

In Italia «si comincia da subito» con la quarta dose del vaccino anti Covid per tutti coloro che hanno più di 60 anni, ha detto Speranza. «Apriremo immediatamente sui nostri territori la somministrazione della quarta dose anche alle persone sopra i 60 anni. I vaccini funzionano, sono efficaci, sono sicuri e hanno una grande capacità di prevenire le ospedalizzazioni gravi. La battaglia contro il Covid è ancora in corso», afferma dopo la raccomandazione dell'Ecdc e dell'Ema di un secondo richiamo per quella fascia d'età.

«Non c'è tempo da perdere», dice la commissaria Ue alla Salute Stella Kyriakides. E in vista dell'autunno, le autorità sanitarie europee stanno esaminando due vaccini aggiornati contro la variante Omicron per un possibile via libera a settembre. La raccomandazione del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) e dell'Agenzia europea dei medicinali (Ema) arriva in considerazione della «nuova ondata attualmente in corso in Europa, con tassi crescenti di ricoveri in ospedale e in terapia intensiva». «E fondamentale - spiegano - che le autorità sanitarie pubbliche considerino le persone tra i 60 ei 79 anni, nonché le persone vulnerabili di qualsiasi età, per un secondo richiamo».

La dose booster potrebbe essere somministrata almeno quattro mesi dopo la precedente, con particolare attenzione alle persone che hanno ricevuto un richiamo più di sei mesi fa. Nelle loro raccomandazioni, Ecdc ed Ema non danno però indicazioni per le persone di età inferiore ai 60 anni perchè «al momento non ci sono prove chiare a sostegno della somministrazione di una seconda dose». E in considerazione di una ipotetica nuova ondata autunnale, potrebbero arrivare due vaccini adattati alla nuova variante Omicron. «Stiamo lavorando per una possibile approvazione di vaccini adattati a settembre», conferma il direttore esecutivo dell'Ema, Emer Cooke, che insieme all'Ecdc invita tutte le autorità sanitarie a «pianificare ulteriori richiami autunnali e invernali per le persone a più alto rischio di malattie gravi, possibilmente combinando le vaccinazioni contro il Covid-19 con quelle contro l'influenza».

«I nuovi antidoti sono stati disegnati per dare una protezione dalle forme gravi di malattia, ma costituiranno una barriera un pò più efficace anche rispetto alla malattia lieve», osserva Marco Cavaleri, responsabile Vaccini e Prodotti terapeutici Covid-19 dell'Ema, che sottolinea però come gli attuali vaccini «funzionano ancora abbastanza bene contro le forme gravi di malattia, tanto che sia l'Fda americana che l'Oms invitano ad utilizzarli».Il Lazio fa da apripista, da giovedì 14 luglio ci si potrà prenotare sul portale regionale. La somministrazione potrà esser fatta anche presso il proprio medico e nelle oltre 500 farmacie che hanno aderito alla campagna vaccinale. Saranno inoltre riattivati alcuni Hub vaccinali, come quello alla Stazione Termini. 


Ultimo aggiornamento: Lunedì 11 Luglio 2022, 22:36
© RIPRODUZIONE RISERVATA