Coronavirus, arrivato a Roma il furgone con le prime dosi del vaccino. Domenica il V-Day

Video

Coronavirus, arrivato a Roma il furgone Mercedes di colore nero con le prime dosi del vaccino. Domenica il V-DayIl mezzo aveva varcato il confine nazionale in mattinata attraverso la frontiera del Brennero, proveniente dal Belgio: il furgone contiene le prime 9.750 dosi del vaccino anti-Covid di Pfizer-Biontech destinate all'Italia. Scortato dai carabinieri, il mezzo si è diretto alla Caserma Salvo d'Acquisto della Capitale, arrivando in serata, in attesa poi di essere trasferito nella giornata di sabato all'ospedale Spallanzani di Roma.

 

Leggi anche > Papa Francesco nell'Omelia di Natale: «Invece di piangerci addosso aiutiamo chi soffre»

 

 

 

Il furgone partirà dalla caserma dei carabinieri di Tor di Quinto intorno alle 10 di sabato e raggiungerà lo Spallanzani dove le dosi saranno suddivise in scatole che verranno poi consegnate ai militari. Alcuni mezzi militari partiranno per le destinazioni da raggiungere via terra nel raggio di 300 chilometri, altri si recheranno verso l'aeroporto militare Pratica di Mare dove le restanti dosi verranno imbarcate sugli aerei per altre destinazioni. La distribuzione sarà a cura della Difesa.

 

«Avevamo detto che prima della fine dell'anno avremmo iniziato le vaccinazioni e così sarà - dice il ministro degli Esteri Luigi di Maio - Ci riprenderemo le nostre libertà e torneremo ad abbracciarci».

 

A Milano, invece, le prime dosi arriveranno nella giornata di sabato all'aeroporto di Linate in attesa del via alla campagna di vaccinazione anti covid in Lombardia.

 

 

 

Tutto pronto all'Istituto Spallanzani di Roma per l'arrivo delle dosi di vaccino anti-Covid. «Questa mattina - ha spiegato in un videomessaggio l'assessore alla Sanità Alessio D'Amato - è stato effettuato un sopralluogo nella zona di stoccaggio dei vaccini anti Covid-19. La macchina è pronta per l'avvio, nel Lazio, della somministrazione dei vaccini. Tutto funziona perfettamente e siamo in attesa dell'arrivo dei vaccini». 

 

Si chiama Claudia Alivernini la prima infermiera che sarà vaccinata all'Istituto Nazionale di Malattie Infettiva Lazzaro Spallanzani, in occasione del V-Day il 27 dicembre, quando in tutta Europa partirà la campagna vaccinale.

 

 

 

Le dosi del vaccino saranno poi distribuite ai 21 siti principali di riferimento, in vista del V-Day europeo di domenica. Per questa operazione entrerà in campo la Difesa con Aeronautica, Esercito e Marina per l'Operazione Eos. L'aspettativa della svolta è nelle parole del presidente del Consiglio Giuseppe Conte. "Sarà un Natale diverso - dice -, ma lo sviluppo dei vaccini e il loro lancio a breve sono più di un segnale di speranza per tutti noi". Per il premier l'obiettivo "è arrivare a 10 o 15 milioni di cittadini sottoposti a vaccinazione per avere un impatto significativo. Dovremmo arrivarci ad aprile". "Un rifiuto di massa è un'ipotesi residuale, se sorge il problema vedremo...", aggiunge il premier, che ritiene non serva una vaccinazione obbligatoria.

 

La prima vaccinazione di operatori sanitari e ospiti e personale delle Rsa avverrà in tutte le regioni domenica (o nei giorni successivi). Delle 9.750 dosi iniziali Pfizer allo Spallanzani una parte sarà trasportata a Pratica di Mare dove 5 aerei (due C27J dell'Aeronautica, due Dornier Do. 228 dell'Esercito e un P-180 della Marina) raggiungeranno le mete più lontane, secondo il piano del ministero della Difesa sulla base di quanto predisposto dal commissario Domenico Arcuri. I restanti vaccini raggiungeranno le destinazioni via terra con un impegno complessivo di 60 autoveicoli e circa 250 militari.

 

I primi vaccinati saranno alcuni degli italiani simbolo della lotta al Covid. In cima alla lista delle somministrazioni in Italia ci saranno una giovane infermiera, un operatore socio sanitario impegnato nei reparti Covid, una ricercatrice e due medici, tutti dell'Istituto Spallanzani di Roma e tutti da subito in prima linea a fronteggiare l'emergenza della pandemia. In vista di domenica prossima ci sono procedure che si stanno mettendo a punto per avviare ufficialmente anche nel nostro Paese la controffensiva al virus.


Ultimo aggiornamento: Sabato 26 Dicembre 2020, 10:03
© RIPRODUZIONE RISERVATA