Vaccino, Codacons choc: «Il Governo denunci la Pfizer per concorso in epidemia»

Vaccino, Codacons choc: «Il Governo denunci la Pfizer per concorso in epidemia»

Dopo il caso dei ritardi nelle forniture dei vaccini anti coronavirus di Pfizer, ritardi imputabili all'azienda farmaceutica, scende in campo il Codacons: «Il Governo Italiano non può in alcun caso sottostare allo strapotere di Pfizer e deve attivarsi legalmente per tutelare i cittadini italiani», afferma l'associazione dei consumatori, in una nota che riporta le parole del presidente Carlo Rienzi.

 

Leggi anche > Il bollettino di mercoledì 20 gennaio: 524 morti e 13.571 casi

 

«Sollecitiamo oggi il Premier Conte e il Ministro della Salute Speranza a presentare formale denuncia alla magistratura e alle autorità competenti contro Pfizer-Biontech -spiega Rienzi- Al di là delle clausole contenute nel contratto siglato dallo Stato Italiano con la multinazionale del farmaco, il comportamento dell'azienda può configurare reati sia sotto l'aspetto dell'inadempimento di pubbliche forniture, sia sul fronte sanitario, considerata la possibile fattispecie di concorso in epidemia colposa».

 

«Il Governo non può rimanere a guardare e deve attivarsi legalmente per tutelare la popolazione italiana e gli interessi del paese, e deve pubblicare integralmente il contratto firmato con Pfizer-Biontech affinché tutti i soggetti interessanti possano valutarlo e, se necessario, impugnarlo», conclude Rienzi. 


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 20 Gennaio 2021, 18:23
© RIPRODUZIONE RISERVATA