Vaccino, AstraZeneca cede all'Ue: «A febbraio tre consegne anziché una». Ma il governo britannico non ci sta

Vaccino, AstraZeneca cede all'Ue: «A febbraio tre consegne anziché una». Ma il governo britannico non ci sta

AstraZeneca inizia a cedere e le pressioni dell'Unione europea iniziano ad avere i primi effetti: la multinazionale britannica, nel comitato direttivo di ieri sera, avrebbe offerto di effettuare tre consegne di vaccini contro il Covid-19 all'Ue in febbraio, invece di una soltanto. Lo ha appreso l'Adnkronos a Bruxelles da fonti parlamentari.

 

Leggi anche > Crisi di governo, consultazioni: oggi Pd, Leu e Iv da Mattarella

 

Inoltre AstraZeneca avrebbe promesso di iniziare a consegnare a partire da una settimana dopo l'autorizzazione condizionata alla commercializzazione, anziché due settimane dopo come aveva detto in un primo momento, motivando questo ritardo con la necessità di stampare i fogli informativi. Cosa che «non ha senso», osserva la fonte.

 

 

L'offerta indica, perlomeno, che AstraZeneca inizia a cambiare la propria posizione. Per l'Ue l'offerta è ben lontana dall'essere sufficiente, tanto è vero che la commissaria europea Stella Kyriakides ieri sera ha detto che «manca chiarezza» sulle consegne che ci si può attendere dalla compagnia farmaceutica, che continua a fornire poche informazioni alle autorità Ue. «È chiaro che c'è un problema dentro la società. E non riguarda solo la comunicazione», conclude la fonte.

 

Londra non ci sta: "Vaccini per noi restano da noi"

 

Non si placa lo scontro tra Astrazeneca e Unione europea sulla vicenda dei vaccini. Ad intervenire, stamattina, è Michael Gove, autorevole esponente del governo britannico e braccio destro del premier Boris Johnson. I vaccini Astrazeneca che sono stati «pianificati, pagati e previsti» per il Regno Unito rimarranno in Gran Bretagna e non andranno alla Ue, ha detto all'emittente Itv. Pur usando toni concilianti nei confronti degli «amici europei», ai quali viene offerto «aiuto», Gove, che ricopre il ruolo di minister for the Cabinet Office, equivalente a quello di sottosegretario alla presidenza del Consiglio, ha affermato chiaramente che per Londra «la cosa importante è garantire che il nostro programma di vaccinazioni proceda esattamente come previsto».

 

Sulla stessa linea sembra schierarsi anche il Partito laburista, con il leader Keir Starmer, anch'egli contrario a destinare una quota importante degli stock di vaccini prodotti dagli impianti britannici di Astrazeneca all'Unione europea, come chiede la Commissione di Bruxelles. «Non voglio che si interrompano le forniture di vaccini nel Regno Unito», ha detto ai microfoni di Lbc Radio. Starmer riconosce però che occorre «trovare una soluzione» alla «guerra di parole» in corso con la Ue. Il problema della scarsità di dosi, secondo il leader laburista, va risolto «aumentando la produzione a livello globale». 


Ultimo aggiornamento: Giovedì 28 Gennaio 2021, 12:31
© RIPRODUZIONE RISERVATA