Vaccini, ok dell'Aifa alla terza dose. Il piano: a settembre i fragili, dicembre over 80 e da gennaio personale sanitario
di Domenico Zurlo

Vaccini, ok dell'Aifa alla terza dose. Il piano: a settembre i fragili, dicembre over 80 e da gennaio personale sanitario


La terza dose di vaccino contro il coronavirus ci sarà, ma non subito per tutti. La commissione tecnico scientifica dell'Agenzia italiana del farmaco Aifa ha dato ieri orientamento favorevole al richiamo del vaccino anti Covid per i soggetti immunodepressi: nei piani del Governo la somministrazione dovrebbe partire già dalla fine di settembre, per proteggere ancor di più i fragili, tra i primi a ricevere la doppia dose all'inizio del 2021 e la cui immunizzazione è - secondo gli studi - quasi in via di esaurimento.

 


Dopo gli immunodepressi (ad esempio i trapiantati, chi è in terapia oncologica o in trattamento per sclerosi multipla), toccherà agli anziani e successivamente agli operatori sanitari: le somministrazioni agli over 80 dovrebbero partire entro fine anno (probabilmente a dicembre) mentre agli operatori sanitari toccherà tra gennaio e febbraio. Per il timing definitivo servirà comunque il parere definitivo dell'Agenzia europea del farmaco Ema, che potrebbe arrivare nel giro di un mese.

 


Intanto sul fronte Green pass dal Governo arriva una brusca frenata: l'estensione dell'obbligo prospettata una settimana fa dal premier Draghi dovrebbe limitarsi per ora ai lavoratori delle Rsa e ai lavoratori della scuola (ditte di pulizie e mensa), mentre per gli statali e il settore privato ci sarà da aspettare. Le frizioni con la Lega, che agitano la maggioranza, hanno portato anche all'annullamento della cabina di regia, inizialmente prevista per questa mattina e poi rinviata alla prossima settimana.


riproduzione riservata ®


Ultimo aggiornamento: Giovedì 9 Settembre 2021, 08:38
© RIPRODUZIONE RISERVATA