Ugo e Rina, 70 anni d'amore insieme uccisi dal Covid a pochi giorni uno dall'altro

Ugo e Rina, 70 anni d'amore insieme uccisi dal Covid a pochi giorni uno dall'altro

Quasi settant'anni insieme. Nella vita e anche nella morte. Marito e moglie novantenni sono stati uccisi dal covid a pochi giorni di distanza l'uno dall'altra, uniti nella vita come nella morte, quasi come gli sposi celebri della mitologia greca, Filemone e Bauci, che ottennero dagli dei di poter morire nello stesso momento.

Trento, inseguito da un orsa nei boschi mentre era a passeggio con il cane: 49enne si salva. Come ha fatto

Si tratta di Mario Salvà, che tutti conoscevano come Ugo, che aveva 94 anni, e Rina Tomaini, che era più giovane di quattro anni ed era appena arrivata a 90 anni. Vivevano a Bosaro, in provincia di Rovigo, ed in paese erano una sorta di istituzione, anche se per cercar fortuna, negli anni 60 erano emigrati, in Svizzera, a Basilea, dove Ugo aveva lavorato come muratore e capomastro, fino a quando, cadendo in un cantiere, non riportò un grave infortunio. Tornati in Polesine, Ugo nei primi anni '70 fu tra i fondatori della Bosarese, della quale è stato anche a lungo presidente, contribuendo anche personalmente, vista la sua competenza, alla costruzione degli spogliatoi del campo che sorgeva proprio dietro casa sua. Rina era inferma da tempo, mentre già un paio di anni il marito aveva avuto dei problemi polmonari ed era stato ricoverato, ma si era subito ripreso. Il Covid, però, ha ghermito entrambi. Dividendoli solo per pochi giorni.


Ultimo aggiornamento: Lunedì 1 Agosto 2022, 10:33
© RIPRODUZIONE RISERVATA