Uccide la moglie malata di cancro, poi si toglie la vita. Nella stanza un biglietto: «Perdonatemi»

Uccide la moglie malata di cancro, poi si toglie la vita. Nella stanza un biglietto: «Perdonatemi»

Omicidio-suicidio e tragedia all'Hospice il Gelso di Alessandria, dove un anziano ha sparato alla moglie malata e poi si è suicidato usando la stessa arma: l'uomo, un ottantenne, ha ucciso la coniuge 73enne che era malata terminale a causa di un tumore. Il dramma è avvenuto mercoledì, ma è stato raccontato oggi dal giornale alessandrino Il Piccolo.

Leggi anche > Pietro Anastasi morto, la vedova: «Ha deciso di non svegliarsi più»

La notizia è poi stata confermata all'agenzia ANSA dalla Questura, che sulla vicenda mantiene però il massimo riserbo: a trovare i cadaveri è stata un'infermiera, che ha rinvenuto anche un biglietto nella stanza, su cui c'era scritto 
«perdonatemi».

Leggi anche > Visita fiscale a una malata terminale: lei muore due giorni dopo. «Un'umiliazione»

Nei giorni scorsi la struttura sanitaria è stata al centro delle polemiche. «Non fate beneficienza al Gelso, lì si va a morire», ha detto un consigliere comunale di Forza Italia, Carmine Passalacqua. Il sindaco, Gianfranco Cuttica di Revigliasco, ha preso le distanze, dicendosi «sconcertato». Il consigliere comunale si è poi scusato. 
Ultimo aggiornamento: Venerdì 24 Gennaio 2020, 12:48
© RIPRODUZIONE RISERVATA