​Esodo in vista, arrivano i nuovi Tutor sulle autostrade su 16 tratte: «Rilevano anche le condizioni delle auto»
di Giorgio Ursicino

Esodo in vista, arrivano i nuovi Tutor sulle autostrade su 16 tratte: «Rilevano anche le condizioni delle auto»

ROMA - Si avvicina l’esodo, torna il Tutor. In vista delle vacanze estive sulla rete autostradale italiana riprenderà progressivamente a funzionare una serie di postazioni fisse per il controllo della velocità media. Una notizia importate per la sicurezza stradale. Il D-day è stato fissato per mercoledì 25 luglio quando entreranno in azione i nuovi dispositivi su 16 tratte per circa 500 chilometri. Per problemi di brevetti i Tutor erano stati sospesi su disposizione della Corte d’Appello di Roma alla fine dello scorso maggio e le forze dell’ordine in questo periodo hanno cercato di sopperire intensificando l’utilizzo degli autovelox.

Arrivano i nuovi tutor in autostrada, ecco dove saranno installati e come funzionano



I nuovi apparati sono identificati con una sigla (SICVe-PM), garantiscono performance superiori e non si basano sul riconoscimento della targa, ma su altri elementi di identificazione che consentono di aumentare il numero di veicoli monitorati. I controlli ripartiranno sulla A1, la A10, la A14 e la A16, nei tratti dove il tasso di mortalità era più elevato prima che entrassero in funzione i Tutor. Sono emersi alcuni dati allarmanti per la sicurezza stradale. Le sanzioni elevate dalla Polstrada sono fortemente aumentate per guida sotto l’effetto di alcol e di sostanze stupefacenti, rispettivamente del 13,9% e del 16,2%. Nella giornata di ieri sono stati divulgati anche i risultati dell’annuale indagine effettuata dalla Polizia Stradale in vista delle partenze estive per monitorare lo stato di “salute” degli pneumatici che equipaggiano le vetture in circolazione nella Penisola.

Un’iniziativa che si svolge ormai da 15 anni ed è organizzata da Assogomma e Federpneus. Anche in questo caso i dati sono tutt’altro che positivi e, soprattutto, in netto peggioramento rispetto al passato. Un’auto su quattro (il 24,72%) fra le quasi diecimila verificate dagli agenti aveva gomme non conformi, una percentuale in forte crescita rispetto a quella già preoccupante (17,93%) registrata nel 2017. Ciò è in parte dovuto all’invecchiamento del parco circolante che nell’ultimo periodo è passato dai 9 anni e 7 mesi del 2010 agli 11 anni e 7 mesi del 2017.

Quasi raddoppiata la percentuale delle vetture trovate con pneumatici lisci (dal 5,17% all’8,95%) con impressionanti punte del 27,38% a Campobasso, 28,33% a Frosinone e 24,31% a Latina. «Guidare con pneumatici lisci, danneggiati, non conformi a quanto previsto dalla normativa, espone i conducenti ad un elevato rischio di incidente stradale e costituisce un gesto di irresponsabilità che si ripercuote negativamente su tutto il sistema della circolazione, di cui tutti siamo parte integrante», ha dichiarato il Primo Dirigente della Polizia di Stato Santo Puccia.
Sabato 14 Luglio 2018 - Ultimo aggiornamento: 08:51
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2018-07-14 13:27:37
Marko la differenza di frenata tra una gomma usurata ed una in buono stato a volte è di metri. E quei metri a volte possono fare la differenza tra la vita e la morte sopratutto su fondi bagnati o in inverno ... Sul prezzo delle gomme sono d’accordo con te, ma si possono trovare delle buone occasioni anche su internet risparmiando fino ad un 30%. Se la tua auto è sicura lo sono anche gli altri ! ;-) Un cordiale saluto Franz
2018-07-14 09:23:01
Una notizia importate per la sicurezza stradale?? Una notizia importante per le casse dello stato!! E se le gomme non costassero come deboer magari si cambierebbero più spesso
DALLA HOME