Tumore al seno, scoperto un farmaco «rivoluzionario» che riduce le metastasi e blocca l'avanzamento della malattia

Nick Turner, professore che ha guidato la sperimentazione del farmaco, ha dichiarato: «Pensiamo che questo trattamento possa permettere di vivere più a lungo con il cancro al seno»

Tumore al seno, scoperto un farmaco «rivoluzionario» che riduce le metastasi e blocca l'avanzamento della malattia

Si chiama Capivasertib il farmaco definito «rivoluzionario», che ha la capacità di ridurre il tumore al seno e rallentare l'avanzamento della malattia. Una sperimentazione su più di 700 persone, ha mostrato una riduzione delle metastasi di quasi il 25% e ha raddoppiato il tempo con il quale il cancro è progredito. Le pazienti con il tumore al seno che hanno assunto il farmaco, non hanno avuto peggioramenti per poco più di sette mesi. La terapia di riferimento attuale blocca il cancro per 3 mesi e mezzo circa. 

Stanchezza, bruciore e caviglie gonfie: «Pensavano fosse tunnel carpale». Poi la diagnosi choc

Capelli fragili e pelle secca, mamma di 27 anni ignora i sintomi: «Sono sempre stata bene». Poi la diagnosi choc

Capivasertib, la ricerca sul cancro

Adesso migliaia di donne con un cancro in stato avanzato possono sperare di curarsi, senza ricorrere agli attuali trattamenti. Il Capivasertib, sperimentato presso l'Institute of Cancer Research (ICR) di Londra, fa parte di una classe di farmaci completamente nuova che funziona in modo diverso rispetto alle terapie esistenti per il cancro al seno. Agisce disattivando un "interruttore" cellulare, che favorisce la crescita delle metastasi. Si tratta del primo farmaco appartenente a questa categoria, che funziona in modo così efficace, affermano i ricercatori. I risultati sono stati presentati al San Antonio Breast Cancer Symposium e adesso l'obiettivo è presentarlo all'Agenzia di regolamentazione dei medicinali britannica per ottenere l'approvazione. 

«Si potrà vivere più a lungo»

 

Nick Turner, professore di oncologia molecolare che ha guidato la sperimentazione del farmaco, ha dichiarato: «Questa è una scoperta fantastica per pazienti con cancro al seno. Anche con i migliori trattamenti attuali, le persone con questo tipo di carcinoma mammario avanzato alla fine vedranno il loro cancro progredire. Siamo lieti che questo potenziale farmaco di prima classe, combinato con la terapia ormonale, possa ridurre la progressione di questi tumori avanzati e in quasi un terzo dei casi possa ridurre i tumori. Pensiamo che questo trattamento possa permettere di vivere più a lungo con il cancro al seno», ha aggiunto lo scienziato.

Tumore al colon, scoperte le cellule maligne che si staccano dal cancro e causano la morte per metastasi. «Speranza per milioni di malati»

Il doppio trattamento

Il farmaco è stato somministrato insieme al fulvestrant, una terapia ormonale che viene utilizzata dopo che le persone diventano resistenti all'anastrazolo, ma che da sola non ha grande efficacia per molte donne. I risultati hanno mostrato che i pazienti trattati con capivasertib e fulvestrant avevano una media di 7,2 mesi senza che il cancro progredisse, rispetto ai 3,6 mesi dei pazienti trattati con placebo e fulvestrant. Il trattamento ha ridotto i tumori nel 23% dei pazienti, rispetto al 12% dei pazienti che non l'hanno ricevuto. È necessario un follow-up più lungo per vedere se il farmaco allunga anche la vita delle donne con carcinoma mammario avanzato. Ma i risultati danno grande speranza.


Ultimo aggiornamento: Giovedì 8 Dicembre 2022, 21:26
© RIPRODUZIONE RISERVATA