Covid, a Trieste è tornato l'orrore. Il primario di terapia intensiva: «Rivediamo i periodi più bui»

Il capoluogo del Friuli fa i conti con la risalita di casi e ricoveri dopo le proteste dei No Green pass

Covid, a Trieste è tornato l'orrore. Il primario di terapia intensiva: «Rivediamo i periodi più bui»

Si sta tornando «ai periodi più bui della pandemia, con un'impennata vertiginosa di contagi, reparti al limite, spostamento di risorse, doppi turni. E con l'amarezza di assistere all'atteggiamento scellerato di chi non si vaccina credendo alla fantascienza». Lo dice in un'intervista al Corriere della Sera il professor Umberto Lucangelo, primario della Terapia intensiva del Cattinara di Trieste.

Leggi anche > Figlio di 12 anni sfida il papà no-vax: «Dice cose senza senso». E il Tribunale gli dà ragione

La crescita veloce e importante dei contagi «si sta riversando sui reparti mettendoci in difficoltà». Si è tornati allo schieramento di forze della seconda ondata «con l'aggravante che non c'è il lockdown perché la città lavora, la vita scorre com'è giusto che sia». I nuovi pazienti Covid «hanno un'età media di 60 anni ma ce ne sono anche di 30. Il 90% non ha fatto il vaccino, naturalmente fra di loro c'è anche chi non poteva farlo». Ci sono inoltre manifestanti ricoverati, «ne avevamo anche in intensiva». Tra i fattori di rischio c'è anche l'importante attività transfrontaliera di Trieste «con Paesi a basso tasso di vaccinazione come la Slovenia. E infatti alcuni di questi si trovano in una situazione difficile».

Nel capoluogo ci si vaccina meno che nel resto d'Italia forse anche perché «c'è una quota di triestini convinta di essere meno vulnerabile per il fatto che conduce una vita sportiva e salutistica. Da noi esiste un pò la credenza mitica dell'invincibilità». Tra i pazienti no vax «alcuni si pentono». Altri «sono invece negazionisti irriducibili ed escono dal reparto ancora convinti che il Covid non esista. C'è chi dice che noi iniettiamo dei microchip e che siamo tutti pagati da Big pharma. Ô gente che sta mettendo un peso enorme sulla nostra società». Per Lucangelo «la situazione peggiorerà. Siamo come surfisti sulla cresta di una grande onda inseguita dagli squali. Bisogna stare attentissimi all'equilibrio perché se cadiamo si fa dura».


Ultimo aggiornamento: Venerdì 12 Novembre 2021, 15:17
© RIPRODUZIONE RISERVATA