Trenord e l'annuncio choc, Raffaele Ariano insultato sui social: «Spia infame, pagato dal Pd»
di Domenico Zurlo

Trenord e l'annuncio choc, Raffaele Ariano insultato sui social: «Spia infame, pagato dal Pd»

  • 149
    share
Lui si chiama Raffaele Ariano, ha 32 anni ed è un ricercatore di Filosofia all’Università San Raffaele: è da lui che è partita la ‘denuncia’ dopo il messaggio a sfondo razzista di qualche giorno fa, sul treno Milano-Mantova della Trenord. All’altoparlante, una voce femminile diceva: «I passeggeri sono pregati di non dare monete ai molestatori. E agli zingari: scendete alla prossima fermata, perché avete rotto i c...ni».

L'annuncio choc sul treno, la dipendente rischia il licenziamento



Salvini difende la capotreno: «Prima viene la sicurezza dei passeggeri»

Raffaele ha segnalato il fatto, Trenord ha annunciato provvedimenti nei confronti della dipendente responsabile dell’annuncio (una capotreno), ma ciò che è successo dopo ha dell’assurdo: intervistato dal Corriere della Sera, Raffaele ha raccontato di essere stato da allora bersaglio di insulti e attacchi. «Sulla pagina di Noi con Salvini è stato indicato il link al mio profilo Facebook - ha detto - con la domanda: siete con la capotreno o con il denunciatore?». Ora il 32enne ha denunciato alla polizia le minacce e le ingiurie ricevute: sotto il suo post, in cui raccontava la vicenda, i commenti sono oltre 42mila, in gran parte di offese.

«I migranti protestano, vogliono Sky»: la bufala sul web, e ci casca anche Salvini



«Raffaele Ariano ecco il tuo trenino, destinazione Polonia, biglietto solo andata», si legge nel post su Facebook di un utente, che pubblica la foto del giovane e quella di un vecchio treno usato per le deportazioni nei lager. Anche su Twitter sono tantissimi i messaggi di attacco al ricercatore, tra chi lo accusa di essere pagato dal Pd a chi gli dà del radical chic o peggio del “comunista di m…”.

Sabato 11 Agosto 2018 - Ultimo aggiornamento: 13-08-2018 19:45
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
DALLA HOME