Dizionario Treccani, nella nuova edizione entra il femminile: dalla soldata alla chirurga, l'italiano della parità

Dizionario Treccani, nella nuova edizione entra il femminile: dalla soldata alla chirurga, l'italiano della parità

di Valeria Arnaldi

Prima le donne. A cominciare dai termini nel vocabolario. Treccani fa sua la battaglia per la parità di genere e, venerdì, in anteprima, in occasione della XXIII edizione di Pordenonelegge, presenterà il primo Dizionario della lingua italiana che lemmatizza anche le forme femminili di nomi e aggettivi, tradizionalmente presenti solo al maschile. Largo allora ad “adatta” e “adatto”, “bella” e “bello” e così via. In quest’ordine.

«Dammi 30.000 euro o dico di noi a tua moglie». Casalinga ricatta l'amante, arrestata mentre ritira i soldi

Regina Elisabetta, ai funerali i leader mondiali dovranno spostarsi in bus

AL FEMMINILE. Per questioni alfabetiche, il vocabolario mette il vocabolo maschile al secondo posto, regalando un nuovo sguardo, anche al femminile, sulla lingua e le sue evoluzioni. E sulla società, tra mutamenti compiuti e in corso, nonché ambizioni. Cambia altresì la “narrazione” delle professioni, che, per la prima volta, vengono registrate anche al femminile, con un’autonomia lessicale se non impensabile, comunque finora mai adottata. Insomma, la “cronaca” del parlato conquista il dizionario, diretto dai linguisti Valeria Della Valle e Giuseppe Patota. L’Istituto della Enciclopedia Italiana registra, sdoganandoli, termini come architetta, notaia, medica, soldata, chirurga. Non solo.

LE PAROLE DEL COVID. Nel vocabolario, entrano neologismi, figli dell’epoca Covid, come lockdown, distanziamento sociale, termoscanner, nonché dad, smart-working, lavoro agile, infodemia. E, in un viaggio, tra politica e società, reddito di cittadinanza, rider, terrapiattismo, transfobia.

LA GRAMMATICA. A ciò si aggiungono semplificazioni per una consultazione più veloce, senza “cortocircuiti” lessicografici, ossia rimandi da una voce all’altra, con meno abbreviazioni e largo spazio per la grammatica con note evidenziate in rosa a sciogliere questo o quel dubbio. L’edizione 2022 de Il Vocabolario Treccani, si spiega, è «un progetto ambizioso e rivoluzionario, nel quale tradizione e progresso si fondono per testimoniare i cambiamenti socio-culturali del nostro Paese e riconoscere - validandole - nuove sfumature, definizioni e accezioni in grado di rappresentare e raccontare al meglio la realtà e l’attualità, attraverso le parole che utilizziamo per viverla e descriverla».

LA BATTAGLIA. Una rivoluzione, appunto, in materia di genere. Almeno, in carta e inchiostro. Si eliminano esempi basati su stereotipi che vogliono le donne ai fornelli e gli uomini in posti di potere. Già. Anche se poi, a ben guardare, gli chef non mancano, ma di donne nei posti “di comando” se ne vedono ancora poche. Intanto, però, la lingua ci offre gli strumenti per il domani di piena parità, che arriverà. Prima o poi. Bastano un poco di speranza, tanta pazienza, di certo sensibilità e cultura, magari un poco di fortuna. Tutti termini femminili. Tranne uno: tempo. Difficile dire quanto, ancora, ce ne vorrà.


Ultimo aggiornamento: Martedì 13 Settembre 2022, 09:39
© RIPRODUZIONE RISERVATA