Rimorchiatore affonda, tre morti: chi erano le vittime. Si cercano ancora due dispersi

Rimorchiatore affonda, tre morti: chi erano le vittime. Si cercano ancora due dispersi

Il rimorchiatore "Franco P." partito da Ancona e diretto in Albania è affondato nella serata di mercoledì a circa 50 miglia dalla costa pugliese

Tragedia a Bari. È di tre morti e due dispersi il bilancio dell'incidente avvenuto al largo di Bari dove il rimorchiatore "Franco P." è affondato trascinandosi dietro l'equipaggio. Sono stati trovati, ieri, i corpi senza vita di Andrea Massimo Loi, 57enne di Ancona imbarcato con la qualifica di marò, Luciano Bigoni, motorista di 65 anni originario di Civitanova e da sempre impegnato come pescatore e il marinaio Ahmed Jelali, 63enne di origine tunisina residente a Pescara. 


Leggi anche > Tommaso ucciso da un'auto all'asilo, il padre: «Quella donna non ha colpe, la sua vita rovinata quanto la nostra»

 

Al momento, solo i familiari di Bigoni hanno effettuato il riconoscimento, mentre sono attesi a Bari i familiari delle altre due vittime. Intanto continuano le ricerche dei due dispersi, entrambi pugliesi e residenti a Molfetta (Bari), Mauro Mongelli di 59 anni e Sergio Bufo di 60 anni. I loro corpi non sono stati ancora recuperati e le operazioni di ricerca proseguiranno in mare anche nelle prossime ore anche se col passare del tempo la probabilità di ritrovarli diminuisce e non è escluso che possano essere rimasti incastrati nell'imbarcazione. L'unico superstite dell'equipaggio del rimorchiatore è il comandante, il 63enne di Catania Giuseppe Petralia, che si è salvato su una zattera e che si trova ora in ospedale a Bari in forte stato di choc.

 

Sono in corso le indagini per ricostruire le dinamiche dell'incidente. Nella giornata di oggi saranno ascoltati anche gli 11 testimoni oculari della tragedia e componenti dell’equipaggio del pontone AD 3 AN 3376. Sono rimasti alla deriva per ore e sono stati loro a lanciare l'sos. Il rimorchiatore "Franco P." partito da Ancona e diretto in Albania è affondato nella serata di mercoledì a circa 50 miglia dalla costa pugliese: stava trainando un motopontone (un tipo di galleggiante usato come piattaforma galleggiante per il trasporto di merci di qualsiasi tipo) con 11 persone a bordo che hanno assistito inermi al naufragio. Sono state loro a raccontare l'accaduto, spiegando che il rimorchiatore ha imbarcato acqua ed è sprofondato in pochi minuti. Intanto la procura di Bari ha aperto un fascicolo con le ipotesi di reato di naufragio e omicidio.

 

 


Ultimo aggiornamento: Venerdì 20 Maggio 2022, 15:06
© RIPRODUZIONE RISERVATA