«Torna in classe o ti spezzo anche l'altra gamba», la frase choc della prof all'alunna

«Torna in classe o ti spezzo anche l'altra gamba», la frase choc della prof all'alunna

«Torna in classe, in presenza, altrimenti ti spezzo anche l'altra gamba». È questa la frase choc che una professoressa ha rivolto ad una sua alunna che si era collegata alla lezione in Dad a causa di un infortunio ad una gamba.

 

Leggi anche > Luana D'Orazio, la perizia choc: l'orditoio «gemello» aveva le sicurezze manipolate

 

L'episodio è avvenuto a Firenze, lo scorso 5 maggio. La giovane alunna, che frequenta un liceo della città, era assente dalle lezioni in presenza a causa di una distorsione al ginocchio, rimediato alla fine di gennaio durante l'ora di scienze motorie. La ragazza, che si era collegata come sempre a distanza, dopo quella frase choc si era sentita dire dalla sua insegnante: «Smetti di stare a casa a coccolarti la gamba, vieni a scuola che ti vogliamo vedere in presenza. Sono sicura che venerdì prossimo la tua gamba starà bene».

 

La ragazza, figlia di due insegnanti, è un'alunna fragile con difficoltà dell'apprendimento, che era solita registrare le lezioni in Dad per poterle riascoltare. Era accaduto anche nel giorno in cui la sua professoressa le aveva rivolto quelle parole e, come spiega l'avvocato dei genitori, Pierluigi D'Antonio, «la ragazza si è sentita rivolgere una frase che l'ha fortemente mortificata e si è messa a piangere». Dopo il racconto della figlia, i genitori avevano scritto alla dirigente scolastica e presentato un esposto all'Ufficio scolastico regionale, senza però ricevere alcuna risposta.

 

Per questo, i genitori della ragazza hanno deciso di rivolgersi ad un legale, che ha scritto di nuovo alla dirigente scolastica, all'Ufficio scolastico regionale e al ministro dell'Istruzione, Patrizio Bianchi, denunciando l'accaduto. Domani l'avvocato Silvia Ciampolini, su mandato dei genitori, depositerà una denuncia-querela alla Procura della Repubblica di Firenze affinché sull'episodio venga aperta un'inchiesta.


Ultimo aggiornamento: Giovedì 13 Maggio 2021, 22:42
© RIPRODUZIONE RISERVATA