Torino, non viene arrestato perché il poliziotto non ha il Green Pass

Torino, non viene arrestato perché il poliziotto non ha il Green Pass

Il poliziotto non ha il Green pass e, dunque, non è potuto entrare in questura per compilare gli atti

Niente carcere per un vandalo e il motivo sorprende tutti. Un uomo ubriaco stava danneggiando i monopattini parcheggiati in una via della periferia di Torino, quando è stato sorpreso da un poliziotto fuori servizio. L'agente si è avvicinato, qualificandosi, e ordinandogli di fermarsi, ma l'uomo lo ha aggredito con caldi e pugni. Quando sono arrivate le volanti di supporto, chiamate in aiuto dal poliziotto, l'arresto è sfumato perché l'agente non aveva il Green pass e quindi non poteva entrare in questura per compilare gli atti

 

Leggi anche > Roma, blitz all'alba a Spinaceto. La polizia municipale sgombera casa popolare occupata abusivamente dal clan dei Bevilacqua

 

L'arresto che sembrava scontato, non è potuto avvenire perché l'agente non aveva il Green pass. L'uomo, dunque, è tornato in libertà, ma è stato denunciato. Secondo quanto riporta il quotidiano La Stampa, un'alternativa, in realtà, ci sarebbe stata: il personale intervenuto, infatti, si è offerto di andare a casa del poliziotto e usare il suo computer personale per compilare gli atti. L'uomo, però, ha trovato questa opzione assurda e si è rifiutato, rinunciando di fatto all'arresto. 

 

A quel punto, quindi, i colleghi lo hanno interrogato come un normale cittadino e l'aggressore è stato denunciato per atti di vandalismo e aggressione. 

 

 

 


Ultimo aggiornamento: Venerdì 22 Ottobre 2021, 12:38
© RIPRODUZIONE RISERVATA