Cadavere di un 52enne ritrovato in cantina con un coltello piantato nell'occhio. Fermato il fratello

Torino, cadavere di un 52enne ritrovato in cantina con un coltello piantato in un occhio. Fermato il fratello

Il corpo senza vita di un uomo di 52 anni è stato ritrovato nel pomeriggio nella cantina di un'abitazione del centro di Torino, in via Principi d'Acaja 36. La vittima è Enrico Pellegrini, 52enne disoccupato. Le indagini dei carabinieri sono coordinate dal pm Delia Boschetto. La vittima è stata trovata con un coltello piantato in un occhio

 

 

 

Da giorni se n'erano perse le tracce, ma nessuno avrebbe immaginato che fosse stato ucciso. Nemmeno il padre, che non riusciva a contattarlo e ha dato l'allarme. È mistero nel centro di Torino, in un elegante condominio di via Principi d'Acaja, dove i carabinieri hanno trovato il cadavere di Enrico Pellegrini, 52 anni. Era morto in cantina, probabilmente già da qualche giorno, con un coltello conficcato nel bulbo oculare. Sul posto l'anziano padre, mentre il fratello della vittima non è ancora stato rintracciato. Le indagini, coordinate dal pm Delia Boschetto, sono affidate ai militari del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale dell'Arma, intervenuti con i tecnici scientifici alla ricerca di impronte digitali e di ogni altro indizio utile a ricostruire cosa sia accaduto. «Lo vedevo fumare sul balcone, ma non ci parlavamo - racconta una vicina di casa - Litigi? Mai sentiti, l'unico rumore era quello del televisore».

 

Secondo le prime informazioni, la vittima era disoccupata e da qualche tempo si era trasferita in quell'alloggio di proprietà del padre nel cuore dell'elegante quartiere Cit Turin, a due passi dalla stazione di Porta Susa e dal Palazzo di Giustizia.

 

«Qualche volta l'abbiamo visto, ma non era nostro cliente e non gli abbiamo mai parlato», dicono i gestori del ristorante di fronte. La cantina dello stabile era chiusa e, per aprirla, hanno richiesto l'intervento dei vigili del fuoco i carabinieri, che al momento non escludono nessuna ipotesi e indagano sulle conoscenze della vittima in attesa di rintracciare il fratello, che potrebbe aiutarli a ricostruire gli ultimi mesi di vita della vittima.

 

 

È stato rintracciato nella notte fuori Piemonte il fratello dell'uomo di 52 anni il cui cadavere è stato trovato ieri pomeriggio dai carabinieri nella cantina di un'abitazione a Torino. Il cadavere era riverso supino con un coltello conficcato nel bulbo oculare. A dare l'allarme era stato dato dal padre che non riusciva a mettersi in contatto con i figli. La posizione del fratelli della vittima è ora al vaglio dei carabinieri. (


Ultimo aggiornamento: Lunedì 28 Giugno 2021, 10:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA