Terrorismo, arrestato Stefano Manni leader di Avanguardia Ordinovista

Terrorismo, arrestato Stefano Manni leader di Avanguardia Ordinovista

Sentenza definitiva per Stefano Manni punto di riferimento dell’organizzazione clandestina e sovversiva Avanguardia Ordinovista. Manni è stato arrestato oggi ad Ascoli Piceno dai carabinieri del Ros dopo che ieri la Cassazione ha reso definitiva la condanna per il reato di associazione con finalità di terrorismo e di eversione dell'ordine democratico e associazione finalizzata all'incitamento, alla discriminazione o alla violenza per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi.

 

 

Leggi anche > Dora Lagreca, il pm: «Prima di cadere nel vuoto si è aggrappata al parapetto per salvarsi»

 

 

Il provvedimento, emesso dalla procura dell'Aquila, parte da un'indagine avviata dal Ros nel 2013 sull'organizzazione Avanguardia Ordinovista che, richiamandosi agli ideali del disciolto movimento politico Ordine Nuovo, progettava azioni violente nei confronti di obiettivi istituzionali, per sovvertire l'ordine democratico dello Stato. La strategia operativa di Avanguardia Ordinovista prevedeva il preliminare compimento di atti violenti al solo fine di destabilizzare l'ordine pubblico e la tranquillità dello Stato per poi prendere parte alle elezioni con un proprio partito, quale unica soluzione alla destabilizzazione sociale precedentemente realizzata.

 

Tra le iniziative per promuovere la crescita culturale degli aderenti alle idee di estrema destra, la creazione della scuola politica Triskele. Dalle indagini, svolte anche sotto copertura, è emerso che il gruppo aveva ricercato armi sul mercato clandestino e che gli aderenti all'organizzazione utilizzavano i social network, come piattaforma di propaganda, per fare proseliti e creare un innalzamento della tensione sociale. I sodali avevano invece un 'canale riservato' per discutere le progettualità eversive. 


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 13 Ottobre 2021, 18:04
© RIPRODUZIONE RISERVATA