Terremoto, scosse in Piemonte: all'alba tra le province di Cuneo e Asti, poi nell'Alessandrino

Terremoto, scosse in Piemonte: all'alba tra le province di Cuneo e Asti, poi nell'Alessandrino

Una scossa di terremoto di magnitudo 3.1 è stata registrata alle 6.22 in Piemonte, tra le province di Cuneo e Asti. Secondo i rilevamenti dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), il sisma ha avuto ipocentro a 12 km di profondità ed epicentro tra Neive (Cuneo) e Coazzolo (Asti). Non si segnalano danni a persone o cose. 

Leggi anche > Terremoto, forte scossa in Grecia con epicentro a Cefalonia


Comunque nel territorio delle Langhe - colline patrimonio dell'Unesco - c'è stata grande paura come si legge sui social. «Lo spavento è stato tanto ma la situazione è sotto controllo e la vita cittadina continuerà a scorrere normale - spiega la sindaca di Neive Annalisa Ghella -. Questa mattina tutti abbiamo sentito il boato e poi la scossa ma sono in contatto con la popolazione, anche grazie ai social e non ci sono stati danni. I vigili del fuoco non hanno compiuto interventi. C'è un muro pericolante nel centro storico del paese e sono andata di persona ad accertarmi che non ci fossero pericoli».
Una scossa di terremoto di magnitudo 2.6 si è verificata nell'Alessandrino. L'evento è stato localizzato alle 8.59 dalla Sala sismica dell'istituto nazionale di geofisica e vulcanologia di Roma. Alle 6:22 di stamani era stata registrata una prima scossa fra l'Astigiano e il Cuneese, con epicentro a 2 chilometri da Neive (Cuneo). Il nuovo evento è stato avvertito in una zona a quattro km ad est di Borghetto di Borbera. Secondo quanto riferito dal Comando provinciale dei vigili del fuoco e dalla Compagnia Carabinieri di Novi Ligure, nessuna chiamata ai centralini. Anche la Protezione Civile non ha raccolto segnalazioni di danni a cose o persone.
Ultimo aggiornamento: Domenica 19 Gennaio 2020, 10:59
© RIPRODUZIONE RISERVATA