Terremoto Campi Flegrei, scossa di magnitudo 3.6, paura nei quartieri di Napoli: scuole evacuate a Procida

Scossa di terremoto avvenuta alle 8,28

Video

di Redazione web

Scossa di terremoto alle 8,28 nella zona dei Campi Flegrei. La magnitudo è stata di 3.6 registrata dall'Ingv ad una profondità di 4 chilometri. La scossa è stata avvertita ai piani alti in diversi quartieri di Napoli e nei comuni più vicini alla zona interessata dal bradisismo flegreo. Eppure, nella notte non ci sono state scosse di terremoto nella seconda notte trascorsa fuori casa dagli abitanti di Pozzuoli e Bagnoli, ma resta la tensione: la più intensa scossa bradisismica degli ultimi 40 anni nell'area dei Campi Flegrei è incisa, potente, nella mente di tutti. L'ultima scossa si è registrata ieri, appena avvertita e i lavori sono in corso, con le verifiche tecniche da parte di Protezione Civile e istituzioni sull'agibilità di edifici pubblici e privati.

Terremoto Campi Flegrei, cosa fare se siete in un edificio, all'aperto o in auto. I consigli in caso di pericolo
 

Scuole evacuate

Scuole evacuate a Procida dopo l'ultima forte scossa di terremoto registrata alle 8.28 - con epicentro i Campi Flegrei - e avvertita anche sull'isola. Le dirigenti scolastiche degli istituti isolani hanno deciso di attivare le procedure di sicurezza radunando gli alunni negli spazi aperti. Il sindaco Ambrosino ha poi annunciato l'ordinanza di sgombero ed il ritorno a casa degli alunni. In mattinata saranno eseguiti controlli sugli edifici scolastici ad opera della Protezione Civile e dei tecnici comunali.

Tendopoli e allerta: i prossimi step

Al momento non ci sono segnalazioni, riaprono anche le scuole nei comuni in cui ieri era stata disposta la chiusura, tranne che a Pozzuoli. Intanto a Palazzo Chigi oggi il ministro della Protezione Civile e del Mare, Nello Musumeci, si incontrerà con il presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, per il punto della situazione.

Tra Pozzuoli e Bagnoli sono state montate le tendopoli da parte della Protezione Civile, presto ne saranno montate altre: resteranno in piedi anche quando l'emergenza finirà, come confermato dal sindaco di Napoli e della Città metropolitana Gaetano Manfredi e dal Prefetto di Napoli, Michele di Bari, in visita al Coc di Pozzuoli e Bacoli e che sempre ieri durante i vari incontri con la stampa, oltre a sottolineare il lavoro collettivo delle istituzioni e della Protezione Civile, ha evidenziato l'impegno sulle vie fuga dall'area dei Campi Flegrei, qualora vi fosse l'escalation delle scosse: l'Ingv prevede altri eventi, non superiori a magnitudo 5, ma il fenomeno bradisismo sarebbe in affievolimento, con lento ritorno alla normalità.

Intanto, le persone evacuate sarebbero circa 160.

Tensione ancora alta

Ma la tensione resta alta: per questo motivo a Pozzuoli sono segnalate diverse famiglie che si sarebbero affrettate a fare la spesa, saccheggiando i vari punti bancomat: resiste il timore di un evento tale da costringere alla fuga, anche se in pochi si sono iscritti per le prove di evacuazione che si svolgeranno a fine maggio, che è uno dei punti fondamentali del piano espeditivo nazionale fissato dal Decreto Legge Campi Flegrei: la terza e ultima prova è prevista a ottobre.

C'è spazio anche per le polemiche: i sindaci dell'area dei Campi Flegrei - ieri in particolare il primo cittadino di Pozzuoli, Gigi Manzoni - sono tornati a invocare un 'sisma bonus' per consentire ai residenti di poter adeguare le proprie abitazioni ai dettami antisismici.


Ultimo aggiornamento: Giovedì 23 Maggio 2024, 12:05
© RIPRODUZIONE RISERVATA