Tenta di uccidere la mamma e la nipotina di 15 anni: la ragazzina riesce a scappare, fermato un 40enne

Tenta di uccidere la mamma e la nipotina di 15 anni: la ragazzina riesce a scappare, fermato un 40enne
Verso le ore 07.30, in località Bosco Mesola del Comune di Mesola (Ferrara), un uomo italiano nato nel 1978, Demis Fogli residente appunto a Mesola, ha aggredito la propria madre, 61 anni, all'interno della sua abitazione, e la propria nipote quindicenne giunta in soccorso della nonna. Le ragioni dell'aggressione al momento sono in corso di accertamento e le indagini sono condotte dai carabinieri di Comacchio.

Secondo la ricostruzione effettuata dagli inquirenti, la ragazza, accortasi che la nonna, che abita al piano di sopra, stava urlando e si lamentava per il dolore causato dai colpi subiti, è corsa nella camera della donna trovando lo zio riverso sul corpo della propria madre. L'uomo, quindi, ha tentato di strangolarla. La ragazza è riuscita a divincolarsi e, uscita di casa, si è rivolta a un vicino assieme al quale ha chiamato il 112.  

Quando i militari sono giunti sul posto hanno trovato Fogli in evidente stato di agitazione in cortile. L'uomo, con al guinzaglio il proprio cane di grossa taglia, un molossoide, ha tentato di impedire ai militari l'accesso alla casa minacciandoli di avventargli addosso l'animale nel caso in cui avessero tentato di prenderlo. I carabinieri, approfittando di un momento di distrazione dell'uomo, sono tuttavia riusciti ad entrare nel cortile e, contemporaneamente, a bloccarlo.

Entrati nell'abitazione i militari hanno trovato l'anziana stesa sul pavimento del pianerottolo, con evidenti segni di colpi subiti alla testa. Immediatamente soccorsa dai sanitari del 118, la 61enne è stata trasportata presso il pronto soccorso dell'Ospedale di Cona dove è tuttora ricoverata.. I primi accertamenti svolti hanno evidenziato segni di ferite lacero contuse a 'L' sul cuoio capelluto, per le quali, da un primo esame speditivo, è stata esclusa la possibilità di una eventuale caduta per le scale. La nipote, dopo preliminari accertamenti presso l'Ospedale del Delta di Lagosanto, è stata portata presso l'Ospedale di Cona per più approfonditi accertamenti. Presso lo stesso ospedale si trova anche Fogli, la cui posizione è al definitivo vaglio dei carabinieri e della magistratura, per l'ipotesi delittuosa di duplice tentato omicidio.

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 7 Febbraio 2018, 18:31
© RIPRODUZIONE RISERVATA