Tampone sospeso, da oggi a Napoli l'iniziativa per fare duemila test nella chiesa del Rione Sanità ai più poveri

Video
di Mario Fabbroni

Il quartiere è lo stesso della citazione nei libri della tradizione napoletana: «Al Rione Sanità, quando uno era felice, pagava due caffè: uno per sè, l’altro per il prossimo cliente. È il gesto filantropico del “caffè sospeso”. Un modo per offrire un caffè all’umanità». 
Da oggi, sempre al Rione Sanità, c’è invece il “tampone sospeso”. Duemila test che il farmacista di quartiere Ersilio Mele ha messo a disposizione dell’associazione “Sa.Di.Sa” (Sanità, Diritti in Salute” guidata dall’avvocato Angelo Melone) e della Fondazione San Gennaro Onlus presieduta dal parroco don Antonio Loffredo, con la collaborazione della III Municipalità (presidente Ivo Poggiani).

 

 

 

Due turni (ore 8-14 e 15-20), la Basilica di San Severo fuori le mura (piazzetta san Severo a Capodimonte, Rione Sanità di Napoli) si trasforma in un laboratorio (con tanto di file separate per evitare ogni incrocio tra le persone, coe si vede nella foto) per la somministrazione dei tamponi che scovano il Covid grazie al lavoro volontario di tre medici (Stefano Viglione, Mario Russo, Armando Monfregola), un biologo (Salvatore Sommella), tre infermieri e 20 giovani.

Una “macchina da guerra” coordinata dalla 27enne Giada Filippetti Della Rocca, origini bolognesi ma trasferitasi a Napoli per avviare una start up nel settore turistico-immobiliare. «Ma ora sono soltanto la vicepresidente dell’associazione Sa.Di.Sa., che intende aiutare la gente meno fortunata che abita nel Rione Sanità - racconta -. Questi tamponi li faremo al costo di 18 euro anziché al prezzo di mercato pari a 60 euro. Ma aspettiamo tanti “tamponi sospesi”. Anzi, chiunque può donare tamponi a chi non può sostenerne il costo». Una rivoluzionaria campagna di covid-screening dal forte valore sociale.

 

 


Cinquecento le persone già prenotate in appena due giorni di apertura del numero dedicato 3792151320, ci sono perfino richieste da Roma. I pazienti verranno accolti al ritmo di 50 al giorno, 5 per ogni ora. 

 


Ultimo aggiornamento: Martedì 17 Novembre 2020, 18:29
© RIPRODUZIONE RISERVATA