Suarez, l'ufficiale della Gdf Sarri: «Juve coinvolta? Non ci sono prove...»

Suarez, l'ufficiale della Gdf Sarri: «Juve coinvolta? Non ci sono prove...»

L'ufficiale della Guardia di Finanza che ha indagato sul caso Suarez e sull'esame 'farsa' per consentirgli di richiedere la cittadinanza italiana, ironia della sorte, si chiama Sarri. Ma Selvaggio Sarri, colonnello della Gdf di Perugia al comando dell'indagine, è solo un omonimo dell'ex allenatore della Juventus esonerato pochi mesi fa: è lui che, intervistato da diversi media (tra cui La Vanguardia, Adnkronos Radio Capital) ha parlato dell'indagine nata quasi per caso che ha portato alla luce le possibili irregolarità in occasione dell'esame di italiano sostenuto dall'attaccante del Barcellona.

Leggi anche > Suarez, l'esame era una truffa. Le intercettazioni: «Ha uno stipendio da 10 milioni, deve passare»

«Abbiamo intercettato delle conversazioni che riguardavano lo svolgimento dell'esame, la fase propedeutica e quindi la richiesta della Juventus di far svolgere l'esame affinché Suarez potesse completare l'iter per diventare cittadino italiano e quindi comunitario, avendo lui la moglie di origine italiana. Però si sono accorti che Suarez a malapena comprendeva l'italiano e non lo parlava per niente - racconta Sarri - Quindi hanno fatto un corso ad hoc, incentrato sulle domande che gli avrebbero fatto, e gli hanno fatto imparare a memoria delle risposte in modo tale che durante l'esame riuscisse a dire qualcosa, stando attenti a non uscire dai binari con altre domande
».

«Avevano, preventivamente, già stabilito già la votazione da attribuirgli: il livello B1, quello necessario introdotto da Salvini nei Decreti Sicurezza per richiedere la cittadinanza italiana. Il certificato, il verbale, era già tutto predisposto», ha aggiunto il tenente colonnello Sarri. «I vertici si preoccupavano di far uscire Suarez da vie secondarie per evitare che venisse intervistato dai giornalisti e tutti si accorgessero che non sapeva parlare italiano». Suarez «è un ragazzo sveglio, diciamo che ha beneficiato di condotte illecite poste in essere da altri», ha concluso. Infine, sul coinvolgimento della Juventus, spiega: «Ne ha manifestato l'esigenza. Non abbiamo evidenze particolari». 
Ultimo aggiornamento: Martedì 22 Settembre 2020, 16:20
© RIPRODUZIONE RISERVATA