In cinque sequestrano e stuprano quattro ragazzine: il branco in manette. «Tre sono albanesi, due marocchini»

In cinque sequestrano e stuprano quattro ragazzine: il branco in manette. «Tre sono albanesi, due marocchini»

Un orribile stupro di gruppo, con «modalità da branco»: le vittime sarebbero quattro ragazzine minorenni, sequestrate per oltre tre ore in una stanza e minacciate. Almeno una, una 16enne, sarebbe poi stata violentata. I giovani coinvolti sono cinque, tre maggiorenni e due minorenni, che sono stati arrestati questa mattina dai carabinieri della compagnia di Como: i cinque si sarebbero anche accaniti su una delle ragazzine, una sedicenne, prendendola a morsi.

Trans donna rinchiusa in un carcere maschile: «Ogni giorno ho paura di essere violentata»



I cinque provvedimenti di custodia cautelare, emessi dal Tribunale di Como e da quello dei Minorenni di Milano, sono stati eseguiti dai carabinieri della compagnia di Como con il supporto di quelli di Cantù. I cinque ragazzi sono accusati di concorso in violenza sessuale di gruppo, sequestro di persona, lesioni personali e produzione, traffico e detenzione illecita di sostanze stupefacenti.



TRE ALBANESI, DUE MAROCCHINI L'episodio che ha portato in carcere i cinque giovani risale al pomeriggio del 14 luglio scorso ed è avvenuto nell'appartamento di uno degli arrestati, nella zona del Canturino, dove i cinque amici (tre di origine albanese e due marocchini. di 17, 18 e 19 anni) avevano invitato quattro ragazze, tutte italiane e minorenni. Secondo le accuse i ragazzi, in parte ubriachi e sotto l'effetto di stupefacenti, hanno chiuso le ragazze in una stanza, tenendole per oltre tre ore, minacciando di buttarle dalla finestra e poi «con modalità da branco» - come affermano i carabinieri - hanno preso di mira una sedicenne, abusandone e prendendola a morsi.



Per le procure di Como e dei Minori che per i due giudici delle indagini preliminari, la condotta del gruppo ha reso necessaria la custodia cautelare per concorso in violenza sessuale di gruppo, lesioni e sequestro di persona. I due minorenni, 17 anni, sono anche accusati di detenzione e spaccio di marijuana. L'indagine è partita alcuni giorni più tardi sulla base di una segnalazione arrivata ai carabinieri di Rebbio. Uno degli arrestati è stato rintracciato dai carabinieri a Stradella (Pavia).

Ultimo aggiornamento: Giovedì 28 Febbraio 2019, 14:17
© RIPRODUZIONE RISERVATA