Strage di Latina: Antonietta Gargiulo, moglie di Capasso, si è svegliata: "Non sa ancora della morte delle figlie"

Strage di Latina: Antonietta Gargiulo, moglie di Capasso, si è svegliata: "Non sa ancora della morte delle figlie"

Si è svegliata. Antonietta Gargiulo ha aperto gli occhi. La donna ferita dal marito Luigi Capasso, che prima di suicidarsi ha ucciso le loro figlie di 7 e 13 anni si è risvegliata dalla sedazione a cui è stata sottoposta dal 28 febbraio scorso, quando, da Cisterna di Latina è arrivata nel reparto di terapia intensiva del San Camillo di Roma ferita da tre colpi di pistola.

LEGGI ANCHE ---> Capasso ha lasciato anche un assegno da 5mila euro per l'amante 

LEGGI ANCHE ---> La telefonata di Luigi alle figlie: "Perché non volete stare con me? Non vi farei mai del male"



LEGGI ANCHE ---> Luigi aveva premeditato tutto. "Lettere sull'eredità e su come pagare i funerali"

Risponde agli stimoli uditivi ma l'imbragatura al volto dovuta all'intervento con cui i medici le hanno ricostruito la mandibola non le permettono di parlare. Con cautela, si sta tentando, con supporto degli psicologi e dei familiari, di riportare la donna alla realtà ma prima è necessario sapere cosa lei ricordi dell'accaduto. Una procedura lenta e dolorosa; difficile da prevedere il tempo necessario per portarla a compimento. 

NON SA ANCORA DELLA MORTE DELLE FIGLIE Migliorano le condizioni di Antonietta Gargiulo, la moglie di Luigi Capasso, il carabiniere che ha ucciso le due figlie di 8 e 14 anni prima di suicidarsi. La donna non è più sedata ed è ricoverata nella terapia intensiva del San Camillo di Roma. Per le sue condizioni, secondo quanto si apprende, non le è stato ancora comunicato della morte delle figlie.

VENERDÌ I FUNERALI DI ALESSIA E MARTINA Fissata la data dei funerali di Alessia e Martina. Il rito funebre per le sorelline di 7 e 13 anni uccise per mano del padre Luigi Capasso, si svolgerà venerdì mattina nella chiesa di San Valentino a Cisterna, la chiesa dove la madre delle piccole, Antonietta Gargiulo faceva la catechista. Improbabile la sua presenza dato che è ancora in terapia intensiva al San Camillo di Roma.
Mercoledì 7 Marzo 2018 - Ultimo aggiornamento: 17:35
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2018-03-07 17:15:12
Vero!!!gli ha lasciato la più grande pena x tutta la vita
2018-03-07 13:50:05
Al suo posto avrei preferito non svegliarmi più...
DALLA HOME