Storie Italiane, confessione choc dell'inviata in diretta: «Sono stata minacciata e aggredita». Eleonora Daniele annuncia provvedimenti

L'inviata Roberta Spinelli ha confessato di aver ricevuto minacce e offese da parte del padre della moglie del nipote della postina scomparsa

Storie Italiane, confessione choc dell'inviata in diretta: «Sono stata minacciata e aggredita». Eleonora Daniele annuncia provvedimenti

Nel corso della diretta di Storie Italiane, l'inviata Roberta Spinelli rivela un dettaglio choc che lascia Eleonora Daniele e gli altri ospiti senza parole. La giornalista, che da giorni sta seguendo il caso di Silvia Cipriani, la postina uccisa a Rieti, ha confessato di essere stata vittima di minacce e aggressioni verbali da parte del padre della moglie di Valerio, il nipote di Silvia, unico indagato per il caso.

Leggi anche > Bimba morta di stenti, Alessia Pifferi e gli ansiolitici alla piccola: il legale svela un dettaglio (e minaccia denunce)

Il racconto

Tempo fa, durante una registrazione, la giornalista Roberta Spinelli ha raccontato di aver visto un'auto partire dalla base della rampa del cancello della casa di Cerchiara di Silvia. Il veicolo si è rivolto a tutta velocità verso di loro, spingendoli ad allontanarsi, e quando sono state chieste spiegazioni l'inviata ha ammesso di essere stata offesa.

«Parole non ripetibili»

Vsibilmente provata nel raccontare la Spinelli spiega: «Non si è limitato solo ad accelerare ma sono state utilizzate parole non ripetibili, ho preferito non riferire nulla di ciò». Eleonora Daniele, sconvolta, la invita a spiegare cosa è successo: «In quei giorni io ricordo che si cercava ancora Silvia, non c'era ancora nessun indagato. Mi è sembrato strano che avesse cercato di depistarmi dicendo che non abitava lì la Cipriani». Poi, precisa: «Io non penso ci avrebbe messo sotto con l'auto ma ci siamo spostati, voleva sicuramente che ci allontanassimo. Poi ho provato ad avvicinarmi e lui li mi ha offeso verbalmente».

Leggi anche > Laura Ziliani, le figlie: «L'abbiamo uccisa perché tentò di avvelenarci». Ecco perché non denunciarono

In studio uno degli ospiti spiega che questo tipo di aggressione è piuttosto comune ai giornalisti in questi casi, ma Eleonora lo interrompe subito in modo deciso: «Non si può dire che succede sempre, se no ogni volta che una donna viene offesa passa il messaggio che l'offesa è in qualche modo giustificata. Non si può far passare come un comportamento da tenere e va condannato». Poi annuncia provvedimenti a tutela della giornalista.


Ultimo aggiornamento: Martedì 25 Ottobre 2022, 11:35
© RIPRODUZIONE RISERVATA