Storie italiane, l'incubo delle truffe sentimentali: «Ecco come agganciano le vittime»

Nel programma di Eleonora Daniele si parla di un fenomeno in grande crescita, anche grazie ai dati che possono essere raccolti sui social

Storie italiane, l'incubo delle truffe sentimentali: «Ecco come agganciano le vittime»

A “Storie italiane” di Eleonora Daniele su RaiUno si parla di truffe sentimentali. Quello del truffe sentimentali, via telefono o web, è un fenomeno in grande crescita anche grazie ai dati che possono essere raccolti sui social.

Storie italiane, l'incubo delle truffe sentimentali

A “Storie italiane” Rossana racconta di essere stata vittima di una truffa affettiva: «Economicamente - ha raccontato - ho perso solo 300 euro ma il danno morale è stato grande». Tutto è cominciato a gennaio 2020 quando la donne sui social conosce una persona che all’inizio sembra molto gradevole, un amico francese vedovo con due figli: «Abbiamo cominciato a chattare per amicizia. Queste persone hanno la capacità di coinvolgerti e conquistare la fiducia. Allora cominciano a chiedere i soldi.. Prima mi ha chiesto 500 euro, non glieli ho dati ed è sparito. Lì ho scoperto di avere una vera e propria dipendenza psicologica, non riuscivo ad uscire da questo tunnel. Vivevo in un mondo parallelo che però causa emozioni reali. E’ difficile capire quando sei dentro, i segnali d’allarme non li vedi».

Al lavoro alla truffa diversi criminali: «Non è una persona sola, ma una vera e propria organizzazione. Un insieme di professionisti, da psicologi a haker che spiano il tuo profilo e i tuoi dati. Io quando ho scoperto tutto mi sono vergognata, poi col tempo ho capito che non era colpa mia, l’importante è divulgare, far sapere che queste cose accadono. La truffa è costruita su misura, i canovacci sono gli stessi ma poi vengono personalizzate con metodologie differenti, prendono i tuoi punti deboli e ci lavorano sopra. Tutto è andato avanti per sei mesi, durante il lockdown, ho visto foto e fatto videochiamate, alla fine spingono per un incontro e allora cominciano ad alzare la posta, a chiedere più soldi».


Ultimo aggiornamento: Martedì 7 Dicembre 2021, 13:06
© RIPRODUZIONE RISERVATA