Storie italiane e il caso di Jenny uccisa a 27 anni: «Offese pesantissime da parte di persone vicine al suicida»

La caccia all’uomo per la ricerca dell’assassino di Giovanna Cantarero potrebbe essere finita

Storie italiane e il caso di Jenny uccisa a 27 anni: «Offese pesantissime da parte di persone vicine al suicida»

La caccia all’uomo per la ricerca dell’assassino di Giovanna Cantarero, detta Jenny, uccisa a 27 anni a colpi di pistola nella tarda serata di venerdì scorso nel catanese, potrebbe essere finita.

Jenny, uccisa a 27 anni: trovato morto in un casolare il presunto omicida

Leggi anche >  Bologna, ex insegnante uccisa in casa a colpi di fucile

A “Storie italiane” si parla del caso di Giovanna Cantarero, detta Jenny,

Storie italiane e il caso di Jenny Cantanero

A “Storie italiane” su Rai Uno si parla del caso di Giovanna Cantarero, detta Jenny, uccisa a 27 anni a colpi di pistola nella tarda serata di venerdì scorso nel catanese.  Da pochissimo, a una ventina di minuti di distanza in auto dal luogo dell’omicidio (15 chilometri circa) è stato ritrovato in un casolare vicino alla spiaggia il corpo di un uomo che potrebbe essere proprio il sospetto. L’uomo si sarebbe suicidato con un arma da fuoco e la sua famiglia non aveva notizie da giorni. Durante il collegamento con l’inviato di "Storie italiane" sembra che sia stata offesa la vittima dell’omicidio da parte delle persone vicine al suicida. Dopo il fatto però i responsabili si sarebbero avvicinati di nuovo e scusato per quanto accaduto: «Una condanna enorme - ha sottolineato Eleonora Daniele – sotto tutti i punti di vista. Offese pesantissime, sessiste e vergognose, che condanniamo a tutto tondo».


Ultimo aggiornamento: Martedì 14 Dicembre 2021, 11:19
© RIPRODUZIONE RISERVATA