Storie Italiane, mamme denunciano abusi al maneggio: «Le nostre figlie appellate negli atti come ficcanaso»

Storie Italiane, mamme denunciano abusi al maneggio: «Le nostre figlie appellate negli atti come ficcanaso»

Eleonora Daniele torna con Storie Italiane su un caso di pedofilia che nasconde delle ombre agghiaccianti. Da anni una mamma, insieme ai genitori di altre 4 bambine, denunciano episodi di violenza sessuale ai danni delle loro figlie da parte di un uomo che insegnava loro ad andare a cavallo in un noto maneggio della Capitale.

 

Leggi anche > Terrore a Roma, incendio e crollo in una palazzina: tre feriti, si cercano dispersi. «Forse fuga di gas»

 

La mamma della vittima mostra un atto giudiziario in cui viene scritto che le bambine: «Lo importunavano mentre faceva la....nel box del cavallo», in pratica la figlia viene appellata come ficcanaso quando la bimba aveva denunciato ben altro. La donna ovviamente crede alla versione della figlia e ad avvalorare la sua tesi ci sono altre 4 bambine che hanno denunciato ai loro genitori di aver subito abusi da parte di quest'uomo che da 3 anni a questa parte, quando c'è stata la prima denuncia, è sempre rimasto a piede libero e per un periodo ha anche insegnato in un altro maneggio.

 

La mamma spiega che le conseguenze sulla sua bambina sono ancora molto gravi: «Mia figlia ancora oggi sta male, seguita da due psicoterapeuti, ha problemi del sonno, delle paure. E' una questione difficile da seguire quotidianamente, per me è difficile perché anche se lei va a un complenno di una sua amichetta mi sento male, la tengo sempre monitorata, ho paura sempre in ogni luogo lei vada se io non ci sono».

 

Intorno all'uomo e a questa vicenda resta un muro di grande omertà, come mostra anche un'intervista fatta dall'inviato di Storie Italiane a una persona molto vicina al presunto stupratore. Non solo la donna dice di non essere interessata alla vicenda ma arriva anche a minacciare. 

 


Ultimo aggiornamento: Martedì 14 Settembre 2021, 12:11
© RIPRODUZIONE RISERVATA