Stefano, l'educatore morto durante la gita in montagna: «Precipitato nel vuoto davanti ai ragazzi dell'oratorio». Aveva 26 anni

La vittima stava affrontando un percorso abbastanza facile, ma sarebbe inciampato per poi scivolare nel dirupo

Stefano, l'educatore morto durante la gita in montagna: «Precipitato nel vuoto davanti ai ragazzi dell'oratorio». Aveva 26 anni

di Redazione web

Un ragazzo di 26 anni è morto, dopo essere precipitato in un burrone profondo 150 metri, durante un'escursione sul Monte Coltignone, a pochi chilometri da Lecco. Stefano Ronchi, che stava accompagnando due ragazzi dell'oratorio in gita l'8 dicembre, sarebbe inciampato e avrebbe perso l'equilibrio, cadendo nel vuoto. L'impatto non gli ha dato scampo, è morto sul colpo. 

Sotto effetto di cocaina si arrampica sul tetto e lancia il cane nel vuoto: «Ci sono i mostri»

Malore mentre è a caccia, morto uomo di 49 anni: il cane veglia su di lui fino all'arrivo dei soccorsi

Monte Coltignone, l'incidente l'8 dicembre

Quello che Stefano e i due ragazzi dell'oratorio stavano affrontando è considerato un percorso facile, adatto anche ai principianti. Per questo motivo il 26enne indossava delle semplici scarpe da ginnastica. Forse una leggerezza fatale. I soccorritori di Areu dell'eliambulanza di Como, hanno collaborato alle operazioni di recupero con i volontari del Soccorso alpino. A lanciare l'allarme sono stati altri escursionisti, che lo hanno visto cadere nel vuoto, riporta il Giorno. 


Ultimo aggiornamento: Venerdì 9 Dicembre 2022, 11:13
© RIPRODUZIONE RISERVATA