Statali, cambia tutto: arrivano i premi a obiettivo. Madia: "Servizi migliori"

Statali, cambia tutto: arrivano i premi a obiettivo. Madia: "Servizi migliori"

  • 51
    share
Novità per gli Statali, soprattutto per quanto riguarda gli obiettivi ma anche i premi: lo ha spiegato il ministro della P.A., Marianna Madia, ospite questa mattina ad Uno Mattina su Raiuno. «Occorre premiare il lavoro virtuoso dell'amministrazione», quello in grado di far «arrivare dei servizi migliori al cittadino. E noi in questo senso abbiamo cambiato gli obiettivi delle valutazione: abbiamo introdotto il concetto degli obiettivi della Repubblica e dobbiamo portare il provvedimento attuativo finale in Conferenza unificata, con le Regioni e i Comuni», ha detto.

LEGGI ANCHE ---> Canone Rai abolito per chi ha oltre 75 anni

 


Il dipendente pubblico, quindi, «non sarà più valutato su obiettivi che non hanno alcun senso per i cittadini, tipo il numero di riunioni fatte», spiega Madia. E aggiunge: «a me cittadino importa, invece, se hai diminuito le liste di attesa, velocizzato i tempi di risposta, trasformato in senso digitale l'amministrazione». La valutazione delle performance per i 3,3 milioni di statali dovrà quindi essere tarata su target precisi, come d'altra parte prevede già la riforma della P.A, ora da applicare.

Si tratta di fare un elenco degli obiettivi. Lista che viaggerà attraverso un decreto ad hoc e per cui servirà, appunto, l'accordo con Regioni e Comuni. Non si parte comunque da zero, le nuove pagelle hanno già dei punti fermi (ad esempio ci sarà uno spazio per la «customer satisfaction»). Di sicuro per i travet in palio c'è molto: un voto positivo significa premi ma anche possibilità di fare carriera. Al contrario, collezionare quadri deludenti può portare dritto al licenziamento, che scatta dopo tre anni di bocciature consecutive. Ecco perché servono linee guida che assicurino criteri uniformi.

Nel decreto in questione compariranno gli «obiettivi generali» a cui ne seguiranno di «specifici». Tra i capisaldi del progetto la velocizzazione dei tempi della P.A, il miglioramento dell'efficienza, la certezza negli esiti, sempre con un'attenzione alle condizioni in cui si presta il servizio (basti pensare allo smart working). Nel concreto si passerà dal taglio delle liste di attesa negli ospedali al pagamento più rapido ai fornitori. E a livello complessivo, a prescindere dal tipo di ente, si potrebbe dare un peso al numero di ore lavorate.

 
Lunedì 19 Febbraio 2018 - Ultimo aggiornamento: 19:31
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
DALLA HOME