Spaccio e violenze, dieci arresti ad Agrigento. Salvini: «Ora espulsioni»

Spaccio e violenze, dieci arresti ad Agrigento. Salvini: «Ora espulsioni»

Una decina di persone, di nazionalità gambiana, nigeriana e senegalese, sono state arrestate all'alba di oggi dai carabinieri ad Agrigento. La banda non solo vendeva droga, ma si era resa protagonista di diversi episodi di violenza nel capoluogo siciliano. 

«Mandami le tue foto nuda»: ufficiale degli Alpini ai domiciliari, violenza sessuale su una tredicenne



La banda agiva con metodi violenti, tanto che le telecamere dei Carabinieri, in più occasioni, hanno ripreso gli spacciatori mentre picchiavano o spaccavano bottiglie di vetro in testa ai clienti. Il provvedimento fa seguito anche alle forti tensioni che si sono registrate nel centro storico tra la onesta comunità di lavoratori senegalesi e gli spacciatori, ritenuti responsabili di un insostenibile stato di degrado tra i vicoli della città. I particolari dell'operazione saranno resi noti nel corso di una conferenza stampa che si terrà alle ore 10.30 al Comando Provinciale Carabinieri di Agrigento, alla presenza del comandante provinciale e del magistrato che ha coordinato le indagini.

Gli arresti hanno trovato il plauso del ministro dell'Interno, Matteo Salvini, che ha annunciato: «Fermato dai carabinieri di Agrigento un gruppo di spacciatori senegalesi e gambiani: vendevano droga nel centro storico, anche a minorenni. A un senegalese era già stato negato l'asilo ma ha fatto ricorso. Per gli altri quattro, in possesso di permesso umanitario, grazie al Decreto Sicurezza lavoriamo per revocare lo status e rimpatriarli. Grazie a magistratura e Forze dell'Ordine. In Italia non c'è spazio per criminali, balordi e clandestini».
Martedì 23 Aprile 2019, 12:39
© RIPRODUZIONE RISERVATA