Sonia morta in Lussemburgo, il compagno: «Aveva la testa fracassata, dovevamo sposarci a maggio»

Sonia morta in Lussemburgo, il compagno: «Aveva la testa fracassata, dovevamo sposarci a maggio»

Domani è fissata l'autopsia sulla donna trovata morta in un ristorante

«Non me l'hanno fatta vedere, mi hanno solo detto che un gran colpo le ha fracassato il cranio. Domani ci sarà l'autopsia». Così all'Ansa Sauro Diogenici, compagno di Sonia Di Pinto, l'italiana trovata morta in un ristorante in Lussemburgo. «Penso a una rapina, non credo sia stato premeditato. Era una persona tranquilla. Faceva il suo lavoro e lo faceva bene», dice Diogenici.

 

Sonia, italiana morta in Lussemburgo: ipotesi rapina finita male. Il compagno: «Eravamo felici, non lo accetto»

 

 

«Convivevamo da 5 anni, ci saremmo dovuti sposare il 14 maggio - racconta - Lei era solita rientrare tardi, quando io già dormivo. Ieri al mio risveglio non c'era, ho pensato fosse uscita. Aspettavamo amici a pranzo... invece l'hanno uccisa».


Ultimo aggiornamento: Venerdì 29 Aprile 2022, 10:21
© RIPRODUZIONE RISERVATA