Silvia Cipriani, l'appello a La Vita in Diretta di Don Valerio sull'ex postina uccisa: «Se qualcuno ha visto, parli»

Don Valerio Shango, direttore dell’Ufficio diocesano Problemi Sociali e Lavoro di Rieti, lancia un appello e aggiunge: "Qualcuno ha orchestrato tutto, ci deve essere un basista"

Video

Nel pomeriggio di mercoledì 28 settmbre, a Montenero Sabino, in provincia di Rieti, sono stati rinvenuti i resti ossei e brandelli di indumenti riconducibili a Silvia Cipriani, l'ex postina scomparsa. Tali ritrovamenti si aggiungono a quelli dell’automobile di proprietà della donna, di una delle sue scarpe e della borsetta. Gli investigatori indagano per omicidio ed occultamento di cadavere. E adesso arriva l'appello di Don Valerio Shango a La Vita in Diretta.

Leggi anche > Willy Monteiro, i giudici: «Dai fratelli Bianchi una furia cieca. Omicidio cominciato con un calcio al petto»

 «Nessun Incidente»

 

«All'incidente non ci ho mai creduto, questo è un grande depistaggio. La macchina non c'era lì, dal 21 luglio che la gente gira in questi boschi, non si ritrovava niente? È da escludere». A parlare per la prima volta è Don Valerio Shango, direttore dell’Ufficio diocesano Problemi Sociali e Lavoro di Rieti, lanciando un appello ai microfoni de La Vita in Diretta, il programma di Rai1 condotto da Alberto Matano, dopo il recente rinvenimento di resti che sembrerebbero riconducibili a Silvia Cipriani, l'ex postina scomparsa a Rieti.

«Se qualcuno ha visto, parli»

«A me spiace solo l'omertà che c'è, la gente ha paura di parlare, se qualcuno ha visto o sentito un rumore anche solo dentro a una cantina, se ha visto una macchina passare di notte, che parli». Don Valerio, che non ha mai creduto alla tesi dell'incidente, ha aggiunto: «Questa donna è stata uccisa da qualche parte dentro al nostro territorio, ci deve essere un basista che conosce questa cosa, qualcuno che ha orchestrato tutto, ma non una persona, devono essere almeno due». In merito al possibile movente, Don Valerio dichiara: «È il grande quesito, si torna sempre sul movente economico, io non vedo altra ragione. Questa pandemia ha creato tanti disagi economici nelle famiglie, forse è subentrata questa malvagità, questa bramosia del dio danaro, però arrivare a strangolare una persona, ad ammazzarla, ad occultare il cadavere e la macchina...».


Ultimo aggiornamento: Venerdì 30 Settembre 2022, 21:17
© RIPRODUZIONE RISERVATA