Si sveglia dal coma ma non può dare l'esame di terza media: 14enne rischia la bocciatura

Si sveglia dal coma ma non può dare l'esame di terza media: 14enne rischia la bocciatura

Rischia la bocciatura dopo essersi risvegliato dal coma. La storia di un bambino di 14 anni di Massa, Toscana, ha dell'incredibile. Il 13 maggio scorso il ragazzo ha avuto un grave incidente stradale che lo ha ridotto in fin di vita. Ma dopo essersi risvegliato dal coma, inaspettatamente senza danni neurologici permanenti e con una lunga riabilitazione potrà tornare alla vita di prima. Ma il tempo che passerà in ospedale non gli permetterà di sostenere l'esame di terza media entro 30 agosto, termine ultimo per le prove. Perciò, il bambino sarà bocciato. Lo scrive Il Tirreno che racconta come la scuola sta cercando in tutti i modi di aiutarlo. 

Leggi anche > Caffè chiude a Bologna: «Non troviamo baristi a 1.300 euro. Non rispondono neanche all'annuncio»

Anche la preside si è messa a disposizione, dicendo che avrebbe rinviato il suo viaggio di nozze per far sostenere l'esame al ragazzo, ma al momento senza esito. 

«Non vorremmo bocciare un ragazzino che ha sempre studiato e che non ha potuto sostenere l’esame solo per una circostanza terribile», le parole della preside. Per la legge dello Stato italiano, se un alunno non sostiene l'esame dovrà ripetere l'anno, anche se era stato ammesso con la media del sette. «Non capisco come non si possa evitare di bocciare mio figlio – spiega la madre a Il Tirreno – È stato ammesso all’esame di terza media, dopo essere rimasto vittima di un terribile incidente, con la media del sette. È un alunno serio, studioso, non ha mai fatto assenze ingiustificate. Non ha sostenuto l’esame perché era in ospedale a combattere fra la vita e la morte. Non credo che lo Stato debba punirlo per questo. O perché dovrà sottoporsi a una riabilitazione complessa i cui tempi non si conciliano con quelli dell’esame di Stato». 

Ci vorrà tempo perché il 14enne possa riprendersi. Soprattutto in questo momento si trova in una situazione delicata e non può sovraccaricarsi anche con lo studio, oltre la riabilitazione.


Ultimo aggiornamento: Domenica 3 Luglio 2022, 22:17
© RIPRODUZIONE RISERVATA