Si sporge troppo per scattare un selfie durante un trekking, Andrea muore a 29 anni precipitando in un dirupo

Si sporge troppo per scattare un selfie durante un trekking, Andrea muore a 29 anni precipitando in un dirupo

Voleva immortalarsi con uno scorcio montano spettacolare, ma purtroppo una disattenzione gli è costata la vita. Dopo il volo per 200 metri nel vuoto a nulla è servito il pronto intervento degli operatori del soccorso alpino e dell'elisoccorso

Voleva scattare un selfie mentre passeggiava in montagna, ma si è sporto troppo ed è precipitato. Andrea Cimbali è morto a 29 anni, durante un'escursione nel comprensorio del Corno alle Scale, sull'Appenino tosco-emiliano. L'uomo si sarebbe sporto troppo nel tentativo di farsi un selfie, precipitando così lungo un dirupo davanti agli occhi di un suo amico.

 

Leggi anche > Laura Ziliani, a Storie Italiane il retroscena di un'amica: «Sapeva delle figlie e Mirto ed era sconvolta»

 

È stato proprio il compagno a lanciare l'allarme. I due erano partiti in mattinata per giungere in cima alla montagna sul sentiero Cai 337, classificato per escursionisti esperti. Si trovavano già a buon punto del percorso quando Andrea è precipitato per circa 200 metri e il suo amico ha chiamato il 118. Sul posto  è stata inviata la squadra del Soccorso alpino e speleologico stazione Corno alle Scale, che si trovava già in prossimità del Croce del Corno, ma purtroppo per il 29enne non c'è stato nulla da fare.

 

All'arrivo dei soccorsi il suo cuore aveva già smesso di battere e a nulla sono valse tutte le manovre di rianimazione attuate dai volontari. Andrea è stato poi trasportato in elicottero in ospedale ma ormai esanime.


Ultimo aggiornamento: Lunedì 18 Ottobre 2021, 13:28
© RIPRODUZIONE RISERVATA