Sepolto in casa, missione compiuta a Pomeriggio 5: «Umberto ha fatto la doccia e la sua casa è pulita»
di Silvia Natella

Sepolto in casa, missione compiuta a Pomeriggio 5: «Umberto ha fatto la doccia e la sua casa è pulita»

Il pubblico di Pomeriggio 5 si è affezionato a Umberto e alla sua storia, che oggi raggiunge il lieto fine. L'uomo di Bari sepolto in casa tra i rifiuti ha fatto una doccia e ha cambiato i vestiti, mentre un'impresa di pulizie specializzata -  letteralmente 'ingaggiata' da Barbara D'Urso in diretta - ha portato a termine la disinfezione dell'abitazione. Ai microfoni del programma di Canale 5 Umberto non può che ringraziare i suoi benefattori con l'augurio, più volte espresso, di conoscere la conduttrice di persona.

Leggi anche > Paola Caruso sarà a Domenica Live dopo l'addio a Moreno Merlo: «È una persona orrenda»

«Quanto bene mi state facendo, io non ho mai ricevuto tutto questo bene in vita mia da nessuno. E in questa giornata tante emozioni», le sue parole. «Adesso - spiega Barbara - inizia un'altra vita e quando rientrerai in casa sarà tutto pulito e potrai invitare i tuoi condomini per un caffeuccio. Devi sapere però che i tuoi mobili non ci sono più, ne troverai degli altri». Ignorando quasi queste parole Umberto insiste teneramente: «Prima che chiudo gli occhi ti voglio salutare di persona e se non vieni a Bari arrivo io a Milano». «Ti prometto che succederà», risponde Barbara D'Urso prima di strappare a lui la promessa di restare pulito ogni giorno. 

Pomeriggio 5 ha iniziato a parlare dell'uomo anziano che vive sommerso dai rifiuti e dagli escrementi a Bari diverse puntate fa. Una situazione invivibile per se stesso e i condomini, costretti a sentire i cattivi odori che provengono dalla sua abitazione. Le telecamere della trasmissione sono entrate in casa per documentare le condizioni in cui versava l'appartamento. Ora tutto è finito per il meglio: Umberto questa notte dormirà in una casa pulita, in attesa che un tribunale decida sulla possibilità che debba essere assistito quotidianamente. 
Giovedì 21 Novembre 2019, 18:21
© RIPRODUZIONE RISERVATA