Sedicenne fatta ubriacare e poi violentata dal barista in uno stanzino: «Offre il locale»

Il barista l'avrebbe spinta in una stanzino e poi avrebbe abusato di lei, che dopo alcuni giorni ha sporto denuncia

Sedicenne fatta ubriacare e poi violentata dal barista in uno stanzino: «Offre il locale»

di Redazione web

Avrebbe offerto da bere ad una giovanissma cliente del bar, di 16 anni, fino a farla stordire, per poi spingerla in uno stanzino di servizio e approfittare di lei. Violentandola. E' stato arrestato con l'accusa di violenza sessuale aggravata su una minorenne, il barista 28enne di un locale nel centro storico di Pistoia, il Dok in via Roma.

Il bar, invece, è stato chiuso e posto sotto sequestro dalla Questura «in quanto luogo di acclarata, ripetuta somministrazione di bevande alcoliche a minori».

La vicenda risale a qualche mese fa, ma l'ennesima brutta storia di abuso sessuale è stata raccontata solo ora sulle pagine de La Nazione.

Abusi sessuali sulle mamme dei pazienti, ex-primario assolto: «Farmaco per il Parkinson alterava i suoi impulsi»

Tutte minorenni a bere

«Offre il locale», avebbe detto il barista al gruppo di giovanissime, tutte al di sotto dei 18 anni, incurante del fatto che l'alcol non si possa somministrare ai minorenni; dopo diversi bicchierini di drink alcolici, le amiche erano ormai ubriache, una di loro, la vittima non riusciva neanche ad alzarsi in piedi, ma ha raggiunto a fatica il bagno, dove avrebbe trovato il barista a fermarla per violentarla.

Violentata in via Barberini, l'aggressore già in libertà. L'assessore Lucarelli al Prefetto: «Subito comitato per ordine e sicurezza»

 

La vittima non riusciva a chiedere aiuto

Dopo averla spogliata, il barista avrebbe avuto con la sedicenne «un rapporto sessuale completo», si legge nel rapporto delle forze dell'ordine che hanno ricostruito la violenza subita dalla giovane, talmente stordita dall'alcol, da non avere neanche la forza di opporsi al suo violentatore. Dopo l'abuso, le ragazze sono state allontanate dal bar, ma la denuncia della vittima, è arrivata solo alcuni giorni dopo i fatti, su insistenza dei genitori che avevano notato il turbamento della figlia, il cui racconto è stato poi accertato dagli inquirenti, che hanno posto ai domiciliari il giovane barista, senza precedenti,ma ritenuto il presunto violentatore.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 7 Settembre 2022, 14:31
© RIPRODUZIONE RISERVATA