Niente scuola per gli studenti fragili: potranno restare a casa per seguire le lezioni e fare le interrogazioni. Ok del ministero
di Lorena Loiacono

Niente scuola per gli studenti fragili: potranno restare a casa per seguire le lezioni e fare le interrogazioni. Ok del ministero

Se il rischio è alto, gli alunni con problemi di salute devono studiare da casa. Quindi niente campanella, niente compagni di classe pur se distanziati e neppure l’esperienza (già bocciata dai ragazzi) da fare con i nuovi banchi monoposto e con le rotelle. 
L’emergenza da Covid-19 mette a rischio la salute di tutti, ma l’allerta si alza notevolmente quando si tratta di persone che hanno già problemi di salute da cui potrebbero arrivare complicazioni gravi con il contagio da coronavirus. 

Leggi anche > Scuola, classi in quarantena: casi a Roma, Milano, Friuli, Toscana. Tra i banchi scatta l'allarme

E allora nelle scuole vanno tutelati i cosiddetti “fragili”: in arrivo infatti l’ordinanza ministeriale per gli alunni immunodepressi e con patologie. La famiglia dello studente deve presentare alla scuola il certificato medico, rilasciato dal pediatra e dal dipartimento di prevenzione e, a quel punto, la scuola dovrà attivarsi per garantire al ragazzo la didattica digitale integrata. Vale a dire che le lezioni, per il singolo studente, si spostano rigorosamente online. 
Sullo stato di salute del ragazzo vanno effettuati monitoraggi periodici e potrebbero anche essere previsto un supporto psicologico per l’alunno che, distante dai suoi compagni, potrebbe risentire della situazione di ulteriore isolamento. 
Le lezioni possono essere trasmesse in diretta, se la scuola ne ha la possibilità, oppure verranno registrate e inviate alla famiglia. Non tutte le scuole e soprattutto non tutte le famiglie, infatti, possono contare su una connessione online capace di sostenere una videolezione in diretta senza interruzioni. 
E i voti? Spetta ai docenti stabilire le modalità di valutazione del ragazzo già a partire dalla pagella del primo quadrimestre e poi per gli scrutini finali. Anche per gli esami di Stato, sia di terza media sia delle superiori, sarà prevista una modalità specifica. 


Ultimo aggiornamento: Venerdì 18 Settembre 2020, 08:40
© RIPRODUZIONE RISERVATA