Scuola, quarantene differenziate per età e niente educazione fisica: le richieste delle Regioni

Scuola, quarantene differenziate per età e niente educazione fisica: le richieste delle Regioni

di Lorena Loiacono

Per le quarantene in classe, si contano i positivi ma anche gli anni degli studenti. Si basa su questi due principi la proposta avanzata dalle Regioni al Governo per la ripartenza. Dal canto suo, però, l’Esecutivo deve ancora valutare la proposta e intanto conferma la ripresa in presenza per tutti tra il 7 e il 10 gennaio.

Scuola caos, la dirigente del liceo Mamiani di Roma: «Ho già la mail intasata da studenti e personale in isolamento»

Ieri il premier Draghi ha incontrato a Palazzo Chigi il commissario all’emergenza Figliuolo e i ministri dell’Istruzione e della Salute Bianchi e Speranza per fare il punto della situazione in attesa del cdm di oggi. I governatori hanno sottoscritto una bozza di regole sul tema quarantene in classe e dad: alla materna tutti a casa con il primo caso positivo, mentre alle elementari e alle medie, per i ragazzi fino a 12 anni, al primo positivo scatta solo l’auto-sorveglianza, al secondo si va tutti in quarantena. Per i ragazzi delle scuole medie di 12 anni o più e per i ragazzi delle superiori, quindi la fascia di età più vaccinata, la quarantena parte solo con 3 casi positivi. Ovviamente sarà necessario un maggiore impegno per effettuare i tamponi, sia da parte delle Asl, che sono già in affanno da settimane, sia della struttura commissariale che deve scendere in campo per aumentare lo screening.

Non solo: nel documento approvato dai governatori ci sono anche indicazioni legate alle attività giornaliere. «Evitare la ripresa delle attività di educazione fisica, canto e utilizzo di strumenti a fiato; verificare la correttezza del consumo dei pasti in mensa; promuovere maggior utilizzo di Ffp2 e avere attenzione a garantire una corretta aerazione delle aule».

Palla al cdm di oggi. Ma il tempo è scaduto, il 7 si torna in classe: «Non possiamo pensare a una ripresa delle lezioni in presenza senza un protocollo di gestione dei cluster – sottolinea Antonello Giannelli, presidente Associazione nazionale dei presidi - che rispecchi le nuove disposizioni di legge. Dubito che già dal 7 le scuole potranno avvalersi del supporto delle Asl».


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 5 Gennaio 2022, 09:27
© RIPRODUZIONE RISERVATA