Sardegna, il dolore per l'olivastro millenario distrutto dalle fiamme: «Addio a uno degli alberi più antichi»

Sardegna, il dolore per l'olivastro millenario distrutto dalle fiamme: «Addio a uno degli alberi più antichi»

La Sardegna continua a tenere con il fiato sospeso a causa degli incendi di questi giorni. Anche l'olivastro millenario di Cuglieri è stato inghiottito dal fuoco e ridotto in cenere. Al di là del dolore per questa perdita, l'albero è diventato subito il simbolo di questa tragedia. Il rogo nell'oristanese non è solo una catastrofe ambientale, sociale ed economica, ma ha determinato migliaia di sfollati e ucciso tanti animali.  

 

Leggi anche > Sardegna in fiamme, rogo nell'Oristanese: 1.500 sfollati e 20mila ettari in fumo. Due Canadair in arrivo dalla Francia

 

La Sardegna brucia, l'olivastro millenario in fumo

L'olivastro "Sa Tanca Manna" distrutto dalle fiamme era un gioiello per la comunità perché aveva resistito ai millenni. Un tesoro per l'archeologia botanica di tutto il Paese. Non è sopravvissuto al rogo divampato in questi giorni che ha richiesto aiuti e interventi anche dall'estero. Tanti i tweet su questo silenzioso custode della storia. 

 

 

 

 

La Sardegna brucia, i danni

Nella zona dell'Oristanese, il Montiferru, la Planargia e parte del Nuorese, le fiamme sono ancora attive dopo oltre 60 ore. La pericolosità è classificata come alta e proseguono le operazioni di soccorso nei territori di Santu Lussurgiu, Cuglieri, Tresnuraghes, Frossio, Sennariolo, Usellus, Porto Albe, Scano di Montiferro e Cabras. 

 

 

 


Ultimo aggiornamento: Lunedì 26 Luglio 2021, 13:14
© RIPRODUZIONE RISERVATA