Samuele torna negativo al Covid e telefona ai parenti: morto poche ore dopo a 61 anni

Samuele Verzilli torna negativo al Covid e telefona ai parenti: morto poche ore dopo a 61 anni

Aveva scoperto di essere negativo al Covid ma poi è morto. Samuele Verzilli, 61 anni, originario da Roseto, ma residente da tempo a Giulianova si era ammalato di coronavirus e le sue condizioni si sono aggravate in breve tempo. L'uomo è stato ricoverato e intubato, ma dopo un lungo percorso era riuscito a stare meglio e da pochissimo si era negativizzato.

 

Leggi anche > Padova, Carlo Stocco ucciso dal covid dopo un mese di agonia: giocava a calcio, era sanissimo

 

La malattia

 

Purtroppo però la gioia della guarigione è stata molto breve. Samuele è infatti morto poco dopo aver dato la buona notizia ai suoi parenti. Il 61enne si era ammalato a dicembre, da pochissimo era stato estubato e sembrava stare meglio. Lui stesso aveva chiamato la famiglia per dire che il tampone era negativo, poi però è morto poco dopo. Samuele era una persona sana, non aveva patologie pregresse e faceva regolarmente attività fisica. 

 

Il dolore della famiglia

 

«È assurdo quello che è successo a mio nipote» racconta lo zio a Il Messaggero, «sabato era stato estubato. Domenica pomeriggio aveva avuto la buona notizia che era tornato negativo al tampone. Era felice aveva anche telefonato alla convivente e i paranti più stretti. Ieri è morto. Non ci posso ancora credere. Sono distrutto».


Ultimo aggiornamento: Martedì 12 Gennaio 2021, 10:31
© RIPRODUZIONE RISERVATA