Samantha Migliore morta dopo l'iniezione di silicone al seno: a processo l'estetista brasiliana Pamela Andress

Il processo a Pamela Andress si terrà il prossimo 26 ottobre

Samantha Migliore morta dopo l'iniezione di silicone al seno: a processo l'estetista brasiliana Pamela Andress

Finirà a processo Pamela Andress, l’estetista che ha effettuato una iniezione di silicone al seno di Samantha Migliore uccidendola. La 35enne si è sentita male ed è morta lo scorso 21 aprile dopo essersi sottoposta a un trattamento estetico a casa dell'estatista di origini brasiliane.

Leggi anche > La madre si lamenta delle patatine fritte troppo fredde, il figlio uccide dipendente del McDonald's

Il processo a Pamela Andress si terrà il prossimo 26 ottobre, la donna  è accusata tre reati: morte in conseguenza di altro reato, esercizio abusivo della professione e omissione di soccorso. Pare infatti che l'estetista si sarebbe allontanata dalla casa della 35enne appena ha notato che Samantha iniziava a stare male. La Migliore sarebbe stata uccisa da un embolo sopraggiunto dopo le iniezioni al silicone liquido che Pamela Andress ha fatto alla donna.

L'estatista non solo non sarebbe stata qualificata per questo tipo di intervento ma non avrebbe nemmeno operato nelle giuste condizioni igienico sanitarie. La donna è ora agli arresti domiciliari nella sua casa di Napoli, mentre il vuoto per la perdita di Samantha continua ad essere forte per la sua famiglia. La donna aveva rischiato di essere uccisa dal suo ex nel 2020, ma aveva ritrovato la felicità con le due figlie e un altro uomo con cui era sposata da un mese.

Quando si è sentita male, in casa c'erano Antonio Bevilacqua, il nuovo compagno e le figliolette. Sarebbe stato proprio il marito a chiamare i soccorsi, ma tutti i tentativi degli operatori del 118 per salvarla sono stati vani visto che Samantha è morta prima ancora del loro arrivo. 


Ultimo aggiornamento: Sabato 6 Agosto 2022, 11:17
© RIPRODUZIONE RISERVATA