Sale scommesse chiuse, l'imprenditrice: «Crollo del fatturato dell'80%, siamo alla fame. Ora basta, fateci riaprire»
di Domenico Zurlo

Sale scommesse chiuse, l'imprenditrice: «Crollo del fatturato dell'80%, siamo alla fame. Ora basta, fateci riaprire»

Claudia F. È un'imprenditrice del settore giochi, proprietaria di due sale scommesse e videolottery a Roma. Da settimane è in piazza con le sue colleghe per chiedere la riapertura delle sue sale: una manifestazione rosa, promossa e portata avanti dalle donne proprietarie di sale scommesse e sale giochi, che dal 12 gennaio scorso ogni giorno sono a Montecitorio con un presidio fisso.

 

Leggi anche > Sale scommesse legali chiuse, in Italia dilaga il gioco clandestino


Claudia, da quanto tempo siete chiusi?


«Durante il primo lockdown dall'8 marzo al 30 giugno, ora siamo chiusi dal 26 ottobre: sono tanti, troppi mesi. Nel 2020 abbiamo lavorato praticamente sei mesi su dodici, abbiamo perso all'incirca l'80-85% del fatturato».


Lo Stato vi ha aiutato?


«Lo Stato ci ha dato l'elemosina: inizialmente dovevamo ricevere una cifra doppia rispetto a quella di luglio, ma in realtà hanno erogato la stessa somma il primo mese, e poi più niente. Bastavano a malapena per un mese di affitto: in più io ho cinque dipendenti, e le casse integrazioni per loro non arrivano».


Cosa chiedete al nuovo governo?


«La riapertura immediata. Siamo alla fame, sono troppi mesi che siamo chiusi e in più non c'è pericolo: già dopo l'apertura a luglio eravamo in regola con le misure di sicurezza. Il Cts non ha mai riscontrato focolai legati ai nostri locali e al nostro settore».


Avete provato a lavorare anche online?


«Le concessioni online hanno costi elevati. Ma chi non viene da noi a giocare, spesso passa ad altri canali, com'è normale che succeda: l'illegalità sta prendendo sempre più il sopravvento».

 

Perché secondo lei non vi hanno ancora ascoltato?


«È una discriminazione fondata su un pregiudizio, per colpa di un'ideologia politica. Siamo lavoratori legali, abbiamo una concessione statale: il Fisco guadagna tanti soldi con noi. Ma c'è un pregiudizio nei confronti del settore del gioco, e noi di questo siamo stanchi: psicologicamente fa male perché siamo persone oneste».


Ultimo aggiornamento: Giovedì 18 Febbraio 2021, 11:32
© RIPRODUZIONE RISERVATA