Schiaffi tra due sorelle sul volo RyanAir: l'aereo parte in ritardo di un'ora. Rabbia tra i passeggeri

RyanAir, schiaffi tra due sorelle sul volo: l'aereo parte in ritardo di un'ora. Rabbia tra i passeggeri

Schiaffi a bordo di un volo Ryanair, e l'aereo parte con oltre un'ora di ritardo: è successo ieri a Brindisi a bordo di un velivolo della compagnia irlandese diretto ad Orio al Serio. Un volo che doveva partire alle 12.45 ha invece ritardato il decollo quasi alle 14 per via di una lite violenta scoppiata a bordo tra due sorelle che si sono letteralmente prese a schiaffi. Ne parla oggi il Quotidiano di Puglia, con un articolo di Salvatore Morelli: il comandante del volo FR8496 è stato così spinto a ritardare di un'ora la partenza e ad informare le forze dell'ordine.

Volo per Minorca in ritardo di 30 ore e poi cancellato, anzi no. L'incubo di 160 passeggeri

All'arrivo a Orio è arrivata la polizia, dopo le lamentele dei passeggeri spazientiti per quanto stava succedendo.
«Eravamo in attesa del decollo quando abbiamo sentito due ragazze dapprima litigare e poi passare alle mani - hanno raccontato -. Qualcuno di noi, al limite della pazienza per quello che stava accadendo, ha anche urlato “fuori”, ma solo per permettere che quel viaggio potesse finalmente iniziare. A bordo c'erano anche diversi bambini».



Le due giovani sorelle erano sedute nella parte anteriore dell'aereo, quando hanno iniziato a discutere per futili motivi: non è chiaro il motivo della lite, ma davanti a quella tensione a bordo il comandante ha deciso di ritardare la partenza, tra le proteste degli altri passeggeri.
«l tempo passava e l'aereo continuava a non lasciare la pista, accumulando così un sensibile ritardo. A bordo, poi, non è mancato un via vai di gente nel corridoio centrale. Insomma, sembrava che quella storia non finisse mai. Poi il decollo, un'ora dopo quanto previsto», racconta un passeggero. Alla fine però, per fortuna solo con un'ora di ritardo, il volo è riuscito a partire e ognuno è arrivato a destinazione.
Martedì 2 Luglio 2019, 10:44
© RIPRODUZIONE RISERVATA