Ryan, il papà furioso: «Provo schifo per ciò che gli hanno fatto. Con mia madre non parlo più»

L'uomo ha parlato in un'intervista in esclusiva rilasciata all'emittente ligure Primocanale

Ryan, il papà furioso: «Provo schifo per ciò che gli hanno fatto. Con mia madre non parlo più»

Rompe il silenzio il papà del piccolo Ryan, il bambino di 6 anni picchiato selvaggiamente a Ventimiglia, e attualmente ricoverato al Gaslini di Genova: a pestarlo sarebbe stato il compagno della nonna paterna, indagato (insieme alla nonna stessa) per lesioni gravissime. «Provo schifo», le terribili parole del padre del bambino.

Ryan sta meglio: «Ha riconosciuto il papà». Ma è ancora giallo sui motivi dell'aggressione del nonno

Ryan, dopo le botte per aver disobbedito al “nonno” il sospetto degli abusi sessuali nelle parole del fratellino

Ryan, il papà: «Provo schifo»

«Schifo, provo schifo a pensare a queste persone e a quello che hanno fatto al mio bambino. Nessun bambino, per nessun motivo al mondo, deve attraversare l'inferno. Ho schifo», ha detto il papà del piccolo in un'intervista in esclusiva rilasciata all'emittente ligure Primocanale. «Non sento mia madre da poco dopo la 'farsa dell'incidente' - ha detto riferendosi alla prima versione fornita dall'anziana quando è stato trovato il bambino con varie lesioni - , qualcosa non mi tornava. L'ultima volta che l'ho vista è stata qui al Gaslini quando è venuta a trovare il mio bimbo. Qualche giorno dopo, il suo compagno ha confessato ma, ripeto, ho chiuso completamente i rapporti quel giorno in ospedale. Provo schifo». 


Ultimo aggiornamento: Sabato 31 Dicembre 2022, 19:35
© RIPRODUZIONE RISERVATA