Roma, addio regali last minute: lo shopping di Natale si sceglie via social

Roma, addio regali last minute: lo shopping di Natale si sceglie via social

All'interno di un'agenda condivisa, escluse feste e ricorrenze minori, esiste una precisa scansione temporale che determina le abitudini dei consumatori: San Valentino, l'otto marzo, Pasqua e ponti che anticipano l'euforia estiva, dai mesi di pausa feriale al Settembre che sancisce il nuovo anno lavorativo, per arrivare ad Halloween e al più recente Black Friday. Ma tra tutte le feste, quella che impegna tempo e denaro più di ogni altra è il Natale, il periodo più affascinante dell'anno che non si limita a un giorno e una notte: l'orologio economico che determina lo scoccare della corsa acquisti, infatti, lavora sempre più d'anticipo.

Josas Immobiliare, boutique real estate che da anni si occupa di sviluppo per i principali brand a livello nazionale e internazionale, può testimoniare che nelle festività di dicembre si cela grande opportunità: "Il 25% del fatturato di un'azienda è legato a questo momento dell'anno, un dato, per altro, in calo rispetto al 30% del 2010. - ha dichiarato Raffaele Rubin, socio fondatore della società di broker- numerose le aperture che curiamo nella parentesi inizio autunno fine novembre, così da consentire alle imprese di sfruttare l'impennata degli acquisti natalizi, oggi dilatata rispetto a dieci anni fa, in quanto concentrata in quasi trenta giorni effettivi, considerando la funzione apripista del Black Friday". Oltre l’indispensabile inquadramento del periodo ideale perché la nuova attività cavalchi l’onda favorevole, fondamentale anche lo studio sul brand, sul target di clientela e sui competitor così da identificare la via di riferimento e consentire al marchio di avere il suo efficace biglietto da visita che andrà a rappresentare l'azienda sul territorio. Tra le principali aperture prenatalizie nel cuore romano, Skechers, l'azienda calzaturiera leader globale nell'alta performance e nel lifestyle, Suns, brand di abbigliamento tecnico e sporty-chic e Satur, una delle più importanti catene italiane, specializzate in articoli per la casa.

Così come le principali capitali europee, anche l'Italia oggi vede il calendario natalizio estendersi di oltre un mese: sparisce la tendenza allo shopping dell'ultimo secondo e il Natale si trasforma nel momento migliore per potenziare la crescita aziendale e fare strategie di brand marketing. E le passeggiate dei turisti e dei passanti vengono pilotate dalle vetrine, veri e propri fari urbani sempre di più calibrati sulla base dei desideri della clientela che, oggi, si registrano soprattutto attraverso la reportistica social: "Una delle poche occasioni in cui non vale la regola less is more è proprio quando si parla di vetrina natalizia, che a parer mio deve essere opulenta, ricca di richiami a tema e con un colore dominante, come quest’anno che, a sorpresa, ha virato verso il rosa. - ha osservato Ida Galati, fra le fashion blogger più seguite in Instagram - Nel 2018 il 54% dei consumatori europei ha affermato di aver tratto ispirazione dai social media per gli acquisiti natalizi, dato a mio avviso destinato a crescere sempre di più. Da influencer posso infatti dire che con il Black Friday si inaugura il periodo dell’anno più intenso e frenetico, proprio come se noi stessi fossimo un’attività commerciale. Le cose da comunicare ai nostri followers sono tantissime, motivo per cui diventa sempre più urgente scegliere quali “cause” e brand sposare. Urgente poiché, stando a quanto registro io dal mio osservatorio, a Natale sono tutti molto più reattivi rispetto al passato: si aspetta sempre meno di arrivare a ridosso delle feste per pensare ai doni e si gioca d’anticipo con promozioni e scontistiche golose. 
Ultimo aggiornamento: Martedì 17 Dicembre 2019, 17:04
© RIPRODUZIONE RISERVATA