Rita Dalla Chiesa, permessi ai mafiosi ergastolani: «Avranno brindato come quando uccisero mio padre»

Rita Dalla Chiesa, permessi ai mafiosi ergastolani: «Avranno brindato come quando uccisero mio padre»

«Avranno brindato come la notte in cui uccisero mio padre, Emanuela e Domenico Russo. La famosa giustizia ingiusta»: così Rita Dalla Chiesa ha commentato amaramente la sentenza della Corte Costituzionale che ha aperto la strada ai permessi anche per i mafiosi condannati all'ergastolo.

Leggi anche > Ergastolo ostativo, benefici in carcere anche per mafiosi e terroristi

La conduttrice tv, figlia del generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, ucciso proprio da Cosa Nostra a Palermo negli anni '80, ha affidato il suo pensiero al suo profilo Twitter, tramite il quale già da giorni si sta indignando e battendo per la scorta al Capitano Ultimo, alias Sergio De Caprio, l'ufficiale dei Carabinieri che catturò Totò Riina e a cui è stata recentemente tolta la protezione da parte dello Stato.
 

Ultimo aggiornamento: Venerdì 25 Ottobre 2019, 08:39
© RIPRODUZIONE RISERVATA