Ragazzo autistico massacrato di botte in piazza: a Rimini è caccia all'aggressore

Al 33enne è stata diagnosticata la frattura dello zigomo e una ferita all'arcata sopracciliare

Ragazzo autistico massacrato di botte in piazza: a Rimini è caccia all'aggressore

È stato pestato a sangue senza alcun motivo. Un ragazzo di 33 anni affetto da autismo di Santarcangelo di Romagna, in provincia di Rimini, è stato vittima di un'aggressione del tutto immotivata. Il triste episodio risale alla sera di domenica 20 novembre e il giovane è subito stato trasportato all'ospedale di Rimini per accertamenti. E adesso è caccia all'aggressore.

Leggi anche > Cadavere di una donna ritrovato in una cella frigorifera: orrore nel brindisino

L'aggressione choc

 

Il pestaggio è avvenuto intorno alle 22.30 in piazza Ganganelli, proprio di fronte ai portici del Municipio, dove la vittima è stata trovata a terra. Sul posto è accorsa un'ambulanza del 118 e i sanitari hanno poi avvisato i carabinieri prima di portare il ferito al pronto soccorso dell'Infermi. Al 33enne, una volta giunto in ospedale, è stata diagnosticata la frattura dello zigomo e una ferita all'arcata sopracciliare che ha reso necessari 5 punti di sutura con una prognosi superiore ai 20 giorni.

Le indagini

Dopo aver ascoltato il giovane, noto a tutti i santarcangiolesi, gli inquirenti dell'Arma hanno dato il via alle indagini. Il giovane ha riferito di non aver riconosciuto il suo aggressore né tantomeno ha saputo spiegare le ragioni che hanno portato al suo pestaggio. Adesso è caccia all'aggressore. I carabinieri stanno acquisendo i filmati delle telecamere a circuito chiuso che sorvegliano la piazza principale del comune, con la speranza di poter risalire al responsabile. 

«Non deve succedere»

«Insieme all’assessore Danilo Rinaldi - ha commentato su Facebook il sindaco Alice Parma - sono stata all’ospedale Infermi di Rimini per fare visita al ragazzo, che ora sta bene anche se deve rimanere qualche giorno in osservazione. Questa notte ha subito un’aggressione, sulla quale sono in corso accertamenti. La mia prima preoccupazione era vedere con i miei occhi che il 33enne stesse bene, ma cose come questa non devono succedere, per lui come per nessun altro, né a Santarcangelo né altrove».


Ultimo aggiornamento: Martedì 22 Novembre 2022, 17:40
© RIPRODUZIONE RISERVATA