Rigopiano, chiesti 12 anni per l'ex prefetto di Pescara: «Tragedia frutto di malgoverno e clientele»

Video

di Redazione web

Rigopiano, chiesti 12 anni per ex prefetto di Pescara: «Tragedia frutto di malgoverno e clientele». La Procura di Pescara per la tragedia di Rigopiano ha chiesto, oltre alla condanna dell'ex Prefetto di Pescara, condanne anche per l'ex presidente della Provincia Antonio Di Marco a 6 anni e 11 anni e 4 mesi per il sindaco di Farindola Ilario Lacchetta. Condanne a 11 e 4 mesi anche per il tecnico comunale Enrico Colangeli, 10 anni per i dirigenti della Provincia Paolo D'Incecco, e Mauro Di Blasio, 9 anni per i dirigenti della Prefettura Ida De Cesaris e 8 anni per Leonardo Bianco.

Rigopiano, la valanga uccise 29 persone: il ricordo delle vittime FOTO

Rigopiano, rigettata la richiesta di incidente probatorio. Rito abbreviato per 17 imputati

Il pm: «Depistaggio? Nessun anarchico caduto dal balcone»

«Parliamo di depistaggio ma non ci sono grandi misteri oggi da svelare. C'era l'inefficienza grave della Prefettura, non ci sono grandi depistaggi italiani: non c'è un anarchico che cade dal balcone della Questura, non ci sono tracce scomparse dal cielo di Ustica, non c'è una agenda rossa trafugata. Parliamo di un prefetto di provincia che lascia cadere nel vuoto una richiesta di aiuto»: è stato questo uno dei passaggi più importanti della requisitoria del procuratore Bellelli, che si è soffermato sulla vicenda del depistaggio che vede imputati tra gli altri l'ex prefetto di Pescara Francesco Provolo. Bellelli ha incentrato la parte più importante del suo intervento sui depistaggi.

 

Ultimo aggiornamento: Giovedì 24 Novembre 2022, 17:47
© RIPRODUZIONE RISERVATA